KARIN domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 15/01/2018

Bologna

Non voglio perderlo del tutto

Salve, ho concluso da poco non per mia volontà una relazione parallela durata più di due anni, durante i quali all'inizio eravamo entrambi fidanzati con altri, poi io mi sono sposata e solo dopo lui si è lasciato con la compagna. Abbiamo passato momenti unici, ma sempre con il fantasma dei partner ufficiali che per un motivo o l'altro non abbiamo lasciato. Dopo che lui lo ha fatto per circostanze fortuite, io ero determinata a fare lo stesso appena possibile...Ma da un giorno all'altro letteralmente ha deciso di non volere proseguire, sebbene fossero passati più mesi dallo shock del mio matrimonio che non sono riuscita ad evitare. E' come se solo in quel momento avesse realizzato che era single e che voleva una vita sua, non rubata ad altri. Per rafforzare questa idea, si è voluto buttare ciecamente in una relazione con un'altra che fino al giorno prima non avrebbe mai calcolato, totalmente opposta alle sue nuove prerogative acquisite con me. Inizialmente ha comunque voluto lasciare spazio a contatti anche se dirati, a magari incontri futuri pacifici, ma quando ha saputo che per un periodo stavo vivendo lontana dal marito si è allontanato, tagliando i rapporti e rispondendo solo se lo cercavo espressamente io. Si aggrappa al fatto che ha sofferto, che la nostra relazione lo ha distrutto, per giustificare il suo ripensamento e voler chiudere drasticamente, diversamente da quanto detto all'inizio. Io non voglio che sparisca in questo modo dalla mia vita, rimanendo solo quella che era di un altro e che non ha scelto lui, perchè con la dovuta tempistica lo avrei fatto... Vorrei riappacificarmi e magari in futuro ricostruire il rapporto su altre basi, vista la conoscenza profonda che ci ha caratterizzato il gran tempo trascorso assieme.. Come posso fare senza rischiare di farlo fuggire ancora di più? Voglio solo procedere in modo sereno e piano piano riavvicinarmi al marito, ma sento che solo sistemando con l'altro riuscirò a farlo...

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Alessia Bongianino Inserita il 17/01/2018 - 11:03

Milano - Porta Venezia, Buenos Aires
|

Buongiorno Karin,
Da quello che scrive sembra esserci in lei una forte confusione e anche la paura di perdere definitivamente una persona cara. Credo che la cosa principale da fare sia capire che cosa voglia da entrambe le relazioni, e poi muoversi di conseguenza. Appare chiaro come l'altro uomo voglia un qualcosa di più stabile con lei che attualmente però, non può dargli data la sua relazione coniugale. Mi chiedo però, come mai non riesca a prendere una decisione in merito visto che, dalle sue parole, emerge come sia più legata a lui piuttosto che al marito. Di cos'ha paura e cosa teme rispetto ad una possibile separazione? Sembra che la sua fatica risieda anche nel fatto che ha difficoltà a lasciare entrambi e forse questo potrebbe avere delle origini più profonde. Mi chiedo se le sia capitato di vivere altre situazioni simili in passato, e come sia il suo rapporto rispetto alla fine di una relazione, che sia essa di coppia ma anche amicale. Le consiglierei, a tal proposito, di intraprendere un percorso terapeutico che l'aiuti a mettere in luce tutti questi punti e anche a chiarire la sua confusione.
Rimango a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento.
Dott.ssa Alessia Bongianino (Milano)