Nina domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 29/10/2017

Roma

Paura dell'abbandono

Buonsera, quasi 30 anni...amo leggere, stare in mezzo ai bambini, camminare senza meta e fotografare. Non sono mai stata pienamente soddisfatta della mia vita, e alcune volte più che reagire e affrontare i problemi, mi sono adagiata lamentandomi di qualsiasi cosa. Ho quasi sempre l'impressione che il tempo passi troppo velocemente...e mi ritrovo ogni volta a non vivere pienamente quello che mi succede, mi sento perennemente indietro. Ultimamente la cosa che mi ha fatto stare più male è l'ennesima relazione sbagliata. Continuo a fare gli stessi errori, tendo ad idealizzare quasi sempre la persona che ho accanto e puntualmente mi delude e la relazione non funziona. Ho paura di non essere mai abbastanza e non riesco a lasciarmi andare completamente, nemmeno nel sesso. Forse non riesco ad essere me stessa per paura di perdere la persona che ho accanto. Puntualmente mi viene detto dalle persone che frequento che la colpa non è mia, che vado bene così come sono ma non è scattato quel qualcosa in più. Questa cosa mi fa soffrire tanto perché inizio a chiedermi se sono davvero io il problema.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Beghin Inserita il 30/10/2017 - 15:49

Buongiorno Nina,
leggo volentieri la sua domanda perchè è davvero una persona intelligente che si pone delle domande su se stessa e va in profondità, non accontentandosi della superficie delle cose. Non avrebbe senso darLe dei consigli senza conoscerLa, per questo La invito a conoscere uno psicoterapeuta della Sua zona per guardare assieme altre fotografie della Sua vita e capire dove vuole incamminarsi, con chi e come farlo. Non penso affatto che Lei sia il problema, ma sono sicura che con un valido aiuto Lei potrà trovare le risposte al suo problema.

Chiara Beghin
psicologa psicoterapeuta e mediatrice familiare di Padova

Dott.ssa Daniela Vinci Inserita il 30/10/2017 - 10:26

Gentile Nina,
Di certo lei non è il problema ma sembra che ci siano alcuni cose su cui dovrebbe lavorare, circa il suo modo di essere e le strategie che utilizza per far fronte alle relazioni e alle difficoltà che sente di vivere.
Le consiglierei di rivolgersi ad uno psicologo per intraprendere un percorso che possa aiutarla a stare meglio facendo luce sugli aspetti in cui percepisce delle difficoltà e trovando delle risorse che ancora non ha utilizzato.
Di dov'è?
Resto a disposizione,
Dr ssa Daniela Vinci
Psicologa e Consulente Sessuale
Arluno (MI)

Dott.ssa Francesca Di Niccola Inserita il 30/10/2017 - 14:38

Salve Nina,
è interessante la descrizione che fai di te stessa all'inizio del messaggio. Mi fa venire in mente una serie di parole (chissà se ti appartengono?): curiosità, spontaneità, colori, gioia, viaggio..... Quando ci troviamo in difficoltà, la maggior parte delle volte, tendiamo a mettere in atto le stesse soluzioni ai nostri problemi pensando che prima o poi si possano risolvere ma non facciamo altro che incastrarci in un vortice dal quale è faticoso venirne fuori da soli. Dunque la tendenza è percepirne gli aspetti negativi, concentrandoci su di essi e comportandoci di conseguenza, il risultato è che ogni volta abbiamo la conferma del nostro pensiero di partenza, la nostra aspettativa (negativa appunto) come se fosse una sorta di "profezia che si autoavvera". Forse avrei scelto un titolo differente al messaggio, ma se è la paura quella che senti ora posso intanto dirti che: "Ha coraggio solo chi ha paura". Il coraggio consiste nel saper affrontare proprio quelle cose che ci spaventano, nonostante lo spavento.
Dott.ssa Francesca Di Niccola
PsicoLogicaMente