Silvio_ domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/10/2017

Bologna

Non capisco che succede e come fare per porre fine a questo problema

Ciao sono un 35enne sto attraversando un periodo della mia vita abbastanza strano e che non mi fa stare bene. Premetto che ho avuto una relazione di 7 anni finita qualche anno fà, dico ciò perchè la chiusura di questa relazione è stata lenta e dolorosa, sono stato male per molto tempo a livello fisico e mentale, ho cercato di risollevarmi da solo, non chiedendo aiuto o parlandone, ma lottando solo e vivendo come se nulla fosse, cosa che mi ha portato via energie e stressato molto. Passato questo periodo mi sono ripreso ho almeno stavo meglio. Ho conosciuto n altra ragazza con cui adesso sto da circa un anno, il nostro rapporto è stato costellato da alti e bassi ( per problemi suoi lavorativi e familiari etc, era sempre nervosa e si sfogava contro di me, ma io sono stato sempre vicino aiutandola capendo il momento e sopportando anche a volte determinati sfoghi suoi, insomma ho fatto tanto per lei pur conoscendoci da poco). La relazione è continuata, ed è andata migliorando, è cresciuto l'interesse e insomma va avanti. Io però ho sviluppato durante questo periodo una paura di deludere questa ragazza, e ciò mi ha portato ad assecondarla molto, starle molto dietro ed essere consenziente, tralasciando magari le miè volontà reali in certi casi, e quelle poche volte che ho seguito le mie volontà mi sono sentito in colpa e comunque è stato difficile per fare queste scelte. Essendo questo il mio comportamento nei suoi confronti sempre pronto e sempre carino, ho iniziato a pensare che lei in realtà non da importanza a quanto faccio , e che non mi almeno nei comportamenti, che si comporta comunque come sta bene a lei, come vuole lei, non ha le stesse attenzioni che ho io nei suoi confronti, e questo è stato motivo di discussione, ne abbiamo parlato e mi ha assicurato che non è così o che è solo il suo carattere, anche se io a volte non comprendo non mi spiego alcune cose. Nell'ultimo tempo io ho avuto un periodo in cui sono stato molto sotto pressione per vari motivi, e questo senso di angoscia mi è aumentato, è diventato generale, mi sento spesso molto depresso, mi sveglio la mattina già di umore pessimo, e non sto sereno e tranquillo , mi metto a pensare troppo, ho degli sbalzi di umore e giornate con alti e bassi, sono molto nervoso. Vorrei solo stare sereno, e non avere queste preoccupazioni o questi sensi di malassere, in quanto anni addietro non erano nel mio essere. So che spiegare tutto in poche righe è difficile, ma se qualcuno riesce a darmi un consiglio o un aiuto sarebbe fantastico.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Ilaria Giannoni Inserita il 02/10/2017 - 10:58

Buongiorno Silvio,
quello che subito mi fa pensare rispetto al suo racconto è il fatto che lei parta accennando alla storia precedente durata 7 anni e conclusasi in maniera dolorosa e che sottolinei il fatto di aver affrontato quel brutto periodo da solo e che tutto ciò sia stato molto stressante. Le faccio notare questo perchè credo che la risposta sia proprio lì. Probabilmente quello che stà vivendo oggi, le sue paure e le sue incertezze rispetto alla nuova relazione e il modello relazionale che lei sceglie per viverla, ha ancora a che fare con la precedente esperienza di coppia da lei vissuta.
Lei chiede un consiglio per superare questo momento. Mi viene da dirle che potrebbe essere utile ed importante, per uscire da questo circolo vizioso nel quale si sente incastrato, provare a rimettere le mani nella sua storia di 7 anni, provare a riflettere su quelli che sono stati i meccanismi messi in atto in quel momento e che, per qualche motivo, la fanno ancora soffrire e le impediscono di vivere serenamente la sua nuova relazione. Immagino che questo possa in parte spaventarla dal momento che ha fatto così fatica per allontanarsi da quel brutto periodo, ma credo che sia tornando proprio lì, e questa volta non da solo ma "accompagnato" da un terapeuta, che lei potrà ripartire con la serenità e la sicurezza che desidera per sè. Ovviamente questa è un'ipotesi legata al breve racconto che lei ha voluto condividere.
Mi faccia sapere come stà e se condivide quello che le ho scritto.
Un caro saluto,
dott.ssa Ilaria GIannoni