freddd domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 30/09/2014

Udine

eiaculazione precoce

buongiorno, sono un ragazzo di 22 anni con una limitata esperienza sessuale.
stavo con una ragazza con cui al primo rapporto duravo poco (due o tre penetrazioni), ma ai successivi riuscivo a gestirmi meglio. dopo due anni però riuscivo a gestire meglio anche il primo rapporto arrivando ad una durata di 5 minuti da me ritenuta soddisfacente.
ora ho una nuova ragazza e dopo un periodo di astinenza durato due anni abbiamo provato ad avere un rapporto sessuale. anche con lei la prima volta è durata davvero poco, penso un 4 penetraioni. anche la seconda volta.
ora, ogni volta che siamo insieme lei inizia il rapporto con del sesso orale in cui dopo dieci secondi io raggiungo l'orgasmo.
dopo però non riesco a riprendere l'erezione nemmeno dopo un'ora per poter avere un rapporto. sta crescendo in me l'ansia di non riuscire a gestire la situazionie e di non essere all'altezza

  6 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Francesca Minniti Inserita il 16/10/2014 - 15:41

Gentilissimo Fredd,

dalla Sua descrizione si percepisce la Sua preoccupazione, preoccupazione che pare accrescersi sempre più andando a compromettere la qualità della Sua vita sessuale.
In base alle Sue parole, mi sento di rassicurarLa su un punto: quando si è impegnati in una relazione con una nuova partner e dopo un’astinenza di due anni, il fatto di eiaculare in tempi più brevi di quelli che ci si aspetterebbe, non è una colpa da imputare a se stessi ma conseguenza di un processo fisiologico. Mi spiego meglio: la frequenza dell’attività sessuale influisce sulla durata dell’erezione (e quindi sull’eiaculazione) in modo direttamente proporzionale, cioè più è alta la frequenza più tende ad allungarsi il tempo di durata. Inoltre anche la nuova partner in sé può suscitare una certa agitazione (dovuta propria alla novità della situazione di intimità che si viene a creare)che va ad accelerare l’eiaculazione.
Fatta tale premessa, potrebbe esserLe utile il consulto di uno specialista in sessuologia con cui affrontare questa problematica interrompendo il ripresentarsi di questa situazione e della frustrazione che può causarLe.
A questo proposito Le lascio di seguito un link per accedere all’Albo della FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica) attraverso cui, se vorrà, potrà reperire il Professionista più vicino a Lei:
http://fissonline.it/albo/albo.php

Le auguro di risolvere il tutto nel più breve tempo possibile e Le porgo i miei più cordiali saluti.

Minniti Valentina

Dott. Giovanni Delogu Inserita il 15/10/2014 - 20:47

Gentile ragazzo di 22 anni, il mio consiglio è di rivolgerti da un sessuologo che saprà aiutarti con strategie ad hoc.
Giustamente come dici tu, l'origine di tutto è l'ansia, e puoi trovare grandi benefici da un trattamento farmacologico, ma dovresti andare da uno psichiatra.
Questo per dire che le figure professionali di riferimento per affrontare il problema sono lo psicoterapeuta, il sessuologo e lo psichiatra.
Una visita urologica o andrologica, se non l'hai già fatta, può essere un inizio per scartare definitivamente problematiche organiche.

Dott. Delogu

Dott.ssa Barbara Paolinelli Inserita il 18/10/2014 - 15:11

Gentile Fred,
sarebbe importante capire, attraverso una psicoterapia, quale è il problema che ti porti dietro e quale significato gli hai dato, tale per cui la tua sessualità è compromessa.
Dopo avare indagato se vi sono problematiche fisiche, la psicoterapia ti aiuterà a dare significato al tuo sintomo e ti sarà possibile trovare strategie utili a gestirlo.
In bocca al lupo!
D.ssa Barbara Paolinelli
Psicologa Psicoteraputa

Dott. paolo zucconi Inserita il 16/10/2014 - 09:04

Egregio ragazzo ventenne,
quanto lei qui riferisce è comune a tanti uomini. Tuttavia per maggiore soddisfazione sessuale e ridurre se non eliminare sintomatologia ansiosa conviene riferirsi ad un capace sessuologo clinico certificato con specifica formazione post lauream meglio anche se specialista in psicoterapia
dr paolo g. zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale e cognitivo in Friuli Venezia Giulia

Dott.ssa Antonietta Albano Inserita il 15/10/2014 - 22:59

Caro Fredd,
Io sono una Sessuologa-Psicoterapeuta e da diversi anni mi occupo di disturbi sessuali. Il tuo disagio e' molto frequente tra i giovani: l'inesperienza e le aspettative incrementano l'ansia da prestazione.
Io lavoro, principalmente, con un approccio integrato (psicoterapia sessuale/approccio centrato sulla persona), che mi permette di "gestire" pensieri ed emozioni. Escludo a priori visita psichiatrica e farmaci, se dopo una accurata diagnosi non ci sono indicazioni. La visita andrologica può essere fatta per escludere definitivamente un disagio organico, anche se nel 90% dei casi si tratta di un disagio prettamente psicogeno, legato specie alla tua età. Considerando, anche, la scarsa esperienza... Così come accennavo all'inizio.
Confermo la figura del sessuologo per la richiesta del tuo aiuto.
Un caro saluto
Dr.ssa Antonietta Albano

Dott.ssa patrizia frongia Inserita il 15/10/2014 - 22:20

Caro Freed, esistono degli esercizi che aiutano a gestire l'ansia e con un sessuologo puoi fare un percorso per aumentare la durata del rapporto sessuale con ottimi risultati. Visto la giovane età partirei da un sessuologo e ricorrerei ai farmaci solo dopo aver provato altre strade. Una visita andrò logica sarebbe consigliata per escludere qualsiasi altro disturbo. Cordialmente Dr. Patrizia Frongia