murdock domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 26/09/2014

Siracusa

La mia Compagna

Salve
sono un ragazzo di 32 anni, convivo con una ragazza di 35 e abbiamo una figlia di quasi 3 anni. Sto insieme alla mia compagna dal 2009. Dopo diversi alti e bassi dato che lei non voleva sposarsi per un discorso economico\religioso abbiamo deciso di avere nostra figlia. Lei ha una personalità molto forte abbastanza scontrosa in molte situazione ciò sicuramente dovuto alla presenza di un padre\padrone abbastanza anziano con una mentalità abbastanaza chiusa dove la donna doveva solo servire e basta.La nostra storia è iniziata a bomba nel senso che anche se da parte sua non c'erano spudorate dimostrazioni d'amore in pubblico però c'era molta intimità sentivo spesso il bisogno di Lei e Lei di me. Trasferiti per vivere insieme cominciava a sgridarmi per qualsiasi cosa , soprattutto dopo essere rimasta incinta si innervosiva molto tanto da gridare e buttare tutto in aria non si poteva contraddire. I nostril rapport sessuali diventarono quasi assenti, lei molto instabile soprattutto dopo la gravidanza tant'è che appena nata la bambina non la voleva toccare non l'ha volute nemmeno addosso appena uscita.Ha fatto afffidamento su me per ogni cosa, ogni cosa che oggi è diventata pretesa tant'è che vogliamo lasciarCi ma un ultima carta me la vorrei giocare prima di lasciarLa perchè ancora la Amo, sto provando a convincerLa di avere un colloquio con uno psicologo, per giustificare I suoi per me strani atteggiamenti sia nei confronti miei che di mia figlia, come la posso convincere a ad andare ad una seduta da uno psicologo?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 21/01/2015 - 12:11

Caro Utente,
purtroppo non puoi convincere in nessun modo la tua compagna ma puoi provare a parlarle apertamente dei tuoi dubbi, delle tue perplessità e dei tuoi timori.
Probabilmente in te c'è ancora una parte che vuole salvare questa relazione, anche solo per il bene di vostra figlia, ed è una cosa più che giusta e che ti fa molto onore.
Anche solo parlarle dei timori che hai nei confronti degli atteggiamenti che mostra nei confronti della bimba potrebbe aiutarla a decidersi ad un incontro.
Vi consiglierei comunque di tentare una terapia famigliare anche solo per non farla sentire sola in questo percorso e per poterti avere attivamente accanto a lei.
Se vorrà sicuramente un percorso individuale, sopratutto per quanto racconti del rapporto con la vostra bambina, potrà farle bene.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com