Federica domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 19/09/2016

Agrigento

Starò sola per sempre ? Repulsione verso gli uomini

Ho avuto 3 ragazzi "seri" nella mia vita, o meglio, ragazzi con i quali mi sono frequentata per un certo periodo di tempo... ma finisce sempre nello stesso modo, c'è sempre quella fastidiosa sensazione...
Con il primo è arrivata la seconda volta che ci siamo visti, inizialmente con il ragazzo va tutto bene, mi piace esteticamente e mi fa ridere (che sono per me due cose importanti), ma dopo qualche tempo (anche dopo poche uscite) provo un senso di fastidio verso la persone, voglio stare da sola, non voglio scrivergli, sono fredda, distaccata..
Il che potrebbe anche essere normale, magari il ragazzo semplicemente non ti piace.. Però se poi mi si chiede quale effettivamente sia il problema, non lo so dire....E se ci sono, sono problemi talmente insignificanti che nessuna persona si farebbe mai (es: espressioni facciali, frasi dette )
Sono incapace di stare con un uomo ?
Con il secondo è andata un po' meglio, ma forse perchè vivevamo distanti quindi eravamo in grado di vederci esclusivamente nel week end.. con lui è durata diversi mesi, ma alla fine l'ho lasciato, dopo che la famosa sensazione è tornata e qualsiasi cosa dicesse o scrivesse mi provocava solo fastidio, senza assoluto motivo.
Ultimo ragazzo, con il quale mi sto ancora frequentando.
Molto dolce, troppo, io sono una persona di mio piuttosto fredda, nel senso che non amo esprimermi a voce, ma il mio affetto lo dimostro in piccoli gesti..il fatto che lui mi dica continuamente cose dolci, mi da fastidio. Perchè ?
Andava tutto bene, finchè questo week end è stato da me.. abbiamo dormito insieme per poi eccola la... solita voglia di stare sola e che lui se ne andasse e basta. Ora non riesco nemmeno a scrivergli, non lo voglio sentire, non lo voglio vedere.. e non capisco perchè.
Ogni mia relazione dura poco finchè arrivo al punto in cui non sopporto la presenza dell'altra persona e la lascio, senza valide motivazioni. Comincio a preoccuparmi.
Non penso c'entri qualcosa, ma io ho anche dei problemi con gli uomini più grandi di me (molto più grani, io ho 22 anni) che mi fanno complimenti o ci provano, la cosa mi provoca il vomito e se succede per strada molto spesso mi irrito e rispondo male invece di ignorare la cosa e andare avanti... come fanno le mie amiche.
Perchè ?
I ragazzi con cui sono stata sono tutti dei bellissimi ragazzi, dolci, gentili, premurosi, simpatici... eppure mi concentro su delle minime cose che arrivano ad annulare tutto il resto e mi chiudo in me stessa.
Non riesco a darmi spiegazioni e temo che sarà sempre così..

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 19/09/2016 - 13:29

Buonasera Federica, leggendo quello che ha scritto ho avuto l'impressione che le sue difficoltà e le domande che si pone potrebbero essere dovute al fatto che forse possiede uno stereotipo delle relazioni amorose eccessivamente rigido e troppo incongruente con le sue caratteristiche e con le sue esigenze. Ad esempio, mi sembra di capire che lei pensa che nei rapporti con i ragazzi sia necessario essere molto vicini e frequentarsi frequentemente, ma in realtà non è detto che debba essere così in quanto ogni persona ha bisogno dei suoi spazi che possono essere più o meno ampi. Dice che la sua seconda relazione è andata un po' meglio perché vi vedevate esclusivamente nel week end: le sembra una cosa strana vedersi solo nel week end? Quanto frequentemente bisognerebbe vedersi secondo lei? È possibile che lei abbia bisogno di avere numerosi spazi personali e non necessiti di vedere l'altro quotidianamente? Questo non significa necessariamente che è poco coinvolta, semplicemente è una sua caratteristica.
Mi sembra che si stupisca anche del fatto che prova fastidio quando il suo attuale ragazzo le dica delle cose dolci. Questa non necessariamente è una cosa strana, l'ha detto lei stessa che preferisce mostrare affetto con i gesti e forse desidera che anche gli altri facciano altrettanto. Con il suo ultimo ragazzo riferisce anche che la sensazione fastidiosa si è manifestata dopo che avete dormito insieme: secondo lei è possibile che si trattasse di una cosa troppo intima e personale che avrebbe voluto condividere più in là nel tempo?
In conclusione, quindi, è possibile che lei cerchi di imporsi, anche in modo inconsapevole, di vivere le relazioni in un determinato modo che considera come l'unico modo possibile o l'unico modo giusto e questo le provoca un forte disagio. Ovviamente la mia è soltanto un'ipotesi che dovrebbe essere ulteriormente approfondita, ma provi a rifletterci un po'.