Antonio domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 28/08/2016

Paura di essere gay

Sono un ragazzo di vent'anni e dopo una splendida carriera scolastica mi sono iscritto di mia sponte all'università, scegliendo lettere classiche per continuare gli studi classici intrapresi al liceo. Non scelsi il liceo da solo ma seguii un mio amico. Dopo la maturità scelsi lettere classiche Perché sono bravo in latino e greco e mi affascina la storia e l'archeologia. Dopo il primo anno di università compiuto brillantemente e con ottimi voti, inizio il secondo con un.leggero malessere conoscendo il grande peso di studio che mi aspettava.. inizio nel corso dell'anno ad avere attacchi d'ansia e di panico e noia e malessere. Avevo mal di testa duraturi e conseguente ipocondria, vedevo sfocato a volte e provavo la depersonalizzazzione.. il mio medico curante mi prescrisse delle sedute psicologiche che intrapresiu solo quando iniziai a provare paura ossessiva di un mio suicidio: non potevo affacciarmi al balcone ... immaginavo scene in cui morivo e il mio funerale. Dopo la paura divenne nel poter fare del male a qualcuno soprattutto ai miei familiari.. erano pensieri ossessivi e non riuscivo a studiare.con la psicoterapia sono riuscito a risolvere queste ossessioni dopo aver fatto un esame. Dopo ho iniziato ad aver timore di essere gay dopo che mia madre mi chiese se lo fossi e se fosse il motivo del mio malessere. Da lì sono due mesi che vivo male.. guardo solo uomini e la voglia verso le donne è limitata... non voglio esserr ciò che temo, non mi sentirei io. Ho sempre desiderato le donne anche se non ho mai avuto rapporti sessuali completi con loro.ora sembrano non piacermi più, né il loro corpo che prima mi attraeva tantissimo. Sto male e sto passando un'estate terribile perché non soloho rimandato un esame a settembre ma non sto riuscendo a studiare e neanche sembra lo voglia più. Sono senza interessi ormai. La psicologa afferma che non ho caratteristiche omosessuali né tendenze. Non ho motivo di preoccuparmi secondo lei, ma non riesco a convincermi. Immagino scene in cui io faccio sesso con uomini e che io godi e mo riempio d'ansia e fiacchezza... una sera sul letto ebbi.un erezione pensando a rapporti omosessuali : mi salì il panico. Penso che se scoprissi di essere gay mi suiciderei.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Carlo Casati Inserita il 28/08/2016 - 13:20

Milano - Centro storico
|

Effettivamente, potrebbe essere un disturbo ossessivo-compulsivo. In tal caso, la psicoterapia può essere associata con farmaci antidepressivi SSRI, spesso con buonissimi risultati.
La giovane età e l'inizio precoce della psicoterapia sono fattori positivi per un recupero relativamente rapido. Se entro 6 mesi circa non noti miglioramento, consiglio di rivolgerti ad un collega di orientamento cognitivo-comportamentale.
Saluti,
Carlo Casati - medico psicoteraputa - Verona

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 28/08/2016 - 12:15

Salve Antonio, il "timore di essere gay" che lei riporta potrebbe essere dovuto ad un disturbo ossessivo che precedentemente sembra essersi manifestato in altre forme (ossessione del suicidio, ossessione di far del male agli altri). In tal caso non avrebbe assolutamente niente a che fare con il suo orientamento sessuale. Non so da quanto tempo ha iniziato il percorso con la psicologa ma è possibile che sia necessario un po' più di tempo per risolvere completamente il suo problema e per consolidare i risultati raggiunti.