Sara domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 07/08/2016

Savona

Tradimenti, come si fa a smettere?

Buongiorno
Volevo un parare sulla mia situazione. In passato sono stata fidanzata per 4 anni con un ragazzo molto geloso, possessivo e autoritario. Ero come in gabbia e ho sfogato la mia frustrazione tradendolo più volte finché alla fine non mi sono decisa a lasciarlo. Mi sono comportata malissimo lo so, era la mia unica via di fuga dal momento che non riuscivo a comunicare e a separarmi da lui. Non voglio darmi giustificazioni per questi atti, ho solo cercato di capire uno dei tanti motivi che mi hanno portato a farlo. Dopo un anni di esperienze da single mi ritrovo fidanzata con un ragazzo d'oro.. ciò che ho sempre sognato è in lui, ci intendiamo perfettamente, parliamo di ogni cosa, ci lasciamo i nostri spazi, litighiamo in maniera normale senza esagerare e siamo affiatati. Ho capito cos'è l'amore.
Recentemente ho fatto la conoscenza di nuove persone tra cui un ragazzo molto più grande di me, molto interessante. Ed è stata subito attrazione reciproca. Ci vediamo spesso in compagnia e finiamo da soli a fine serata. E in quei momenti lui cerca di avvicinarsi a me. Per 3 settimane ho resistito ( infatti pensavo che in me qualcosa fosse realmente cambiato grazie al mio fidanzato) ieri sera invece grazie anche ad una dose di alcol ci siamo baciati. Un bacio pieno di passione e voglia di andare oltre. Il fatto è che non voglio e non posso fare così . Mi disgusto. Non riesco a capire. Il problema sono io lo so, la mia autostima e altre cose, ma proprio non dovevo farlo. Ho già tutto e me lo sento perché non sono mai stata così felice, innamorata e appagata come adesso nella mia relazione. Prima era un problema di coppia, ora la coppia è perfetta perché continuo a comportarmi così? Non se lo merita. Mi sento davvero in colpa.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 04/10/2016 - 13:21

Gentile Sara,
la sua situazione non è facile e difficilmente sostenibile se continuasse a permanere invariata per lungo tempo questa sua suscettibilità a cercare qualcos'altro.
Non si tratta probabilmente di trovare la medicina individuale per smettere, ma anzitutto di capire, tenendo conto anche della possibilità che sia un problema di coppia e non solo individuale.
Se volesse approfondire è necessario un rapporto professionale attraverso una consulenza, anche on line.
Cordiali saluti