Anna domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 06/06/2016

Roma

Diversi pensieri e diverse tradizioni tra me il mio fidanzato

Salve,
Sono Anna, ho 21 anni e scrivo perché vorrei tanto un consiglio su un problema che mi accompagna da tempo. Sono fidanzata da quasi 2 anni, obbiettivamente la persona che ho al mio fianco non è molto diversa da me, sia caratterialmente che per un sacco di altre cose, esclusa (a quanto pare) la concezione che abbiamo di famiglia. Nonostante la mia giovane età, il traguardo per me più importante è proprio quello: un matrimonio e dei figli. Abbiamo preso un sacco di volte questo discorso, ma nel tempo le risposte sono sempre cambiate: mi piacerebbe sposarmi, e all'inizio credevo che piacesse anche al mio compagno, visto che è proprio nato da lui il discorso un mese dopo che ci siamo conosciuti...ma ora che affrontiamo quando capita , il discorso, visto che ormai sembra quasi diventato un tabù, io inizio a convincermi che questo passo lo voglia fare soltanto io. Ogni volta nasce un motivo diverso per cui non farlo: prima l'avversità dei genitori verso tale atto,poi il fatto di voler provare prima a convivere e a conoscerci meglio,poi l'acquisto di una casa(e adesso c'è) poi la fine dei rifinimenti di essa(e adesso si può dire che l'essenziale c'è) poi il fattore economico(io studio e lui lavora , viviamo con un solo stipendio), poi il fatto che qualsiasi cosa si può fare anche senza fretta....ogni piccola cosa può diventare un'ottima risposta per temporeggiare...ho imparato con il tempo a non giustificare più nulla , e a non credere nelle favole, di conseguenza sono convinta che (non capisco ancora bene il perché) il mio ragazzo semplicemente non voglia sposarsi...il punto è questo: io odio le prese in giro...odio il non ammettere di non volerlo fare...tempo fa, proposi di sposarci ad aprile....con una risposta ,(che sembrava quasi forzata) positiva, e infatti più la data si avvicinava più mi accorgevo che non sarebbe successo nulla....ora solo lo smarrimento....i desideri non sempre si riescono a sopperire, son sicura che il mio resterà, non voglio perciò logorare il rapporto, visto che mi sembra davvero tutto perfetto, vorrei soltanto capire come avitare il peggio, ma soprattutto, capire se è perché non mi ama profondamente che non vuole sposarsi....a volte ho la convinzione di provare di più io di lui....Perché mai io dovrei esser pronta a sposarlo e lui no? Forse perché lo amo di più?
Grazie in anticipo...

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Antonino Savasta Inserita il 06/06/2016 - 23:48

Gentile Anna,
sembra che più che sul vivere il rapporto, la vostra relazione sia incentrata sul matrimonio. Così, anziché vivere questo passo in modo gioioso, sembra più che altro un momento critico, da evitare, un tabù insomma. Perché per te è così importante? Come mai non riuscite a parlarne apertamente? Le domande che poni a noi, le hai poste a lui? Su quali basi vuoi costruire una vita insieme ad una persona con la quale hai problemi a condividere qualcosa che per te è fondamentale? Scusa la schiettezza, ma ritengo molto meglio chiarire le cose prima più che dopo. Ti trovi d'accordo? Cordialmente, Dottor Savasta.

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 17/06/2016 - 16:32

Gentile Anna,
lei è molto giovane e deve terminare gli studi. Forse potrebbe essere questo un motivo per titubare di fronte all'idea di mettere su famiglia, ma questa è solo un'ipotesi e nella realtà dei fatti potrebbe anche essere rovesciata: forse ora lei è più libera di quanto lo sarebbe con un lavoro a tempo pieno.
Se da sola non riesce a capire perché il suo compagno tende a rimandare, dovrebbe farsi aiutare da uno psicologo psicoterapeuta che, oltre a formulare deduzioni e ipotesi fondate, può aiutarla a migliorare la comunicazione. Se vuole sono a sua disposizione tramite una consulenza che è altrettanto efficace di una consultazione in studio.
Cordiali saluti