Eva domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 01/06/2016

Attacchi di rabbia nei confronti del partner: c'è possibilità di miglioramento?

Salve ho 26 anni vivo a Treviso e ho problemi nel controllo degli attacchi di rabbia soprattutto nei confronti del partner.
L'ultimo avuto una settimana fa nei confronti del mio ex ragazzo ormai , mi ha detto che usciva con gli amici e tra gli amici c'era anche una ragazza di cui sono tremendamente gelosa terminata la telefonata riattacco il telefono e comincio a ribollire di rabbia così gli vomito addosso tante di quelle cattiverie da fargli passare la voglia di uscire da quella sera ha deciso che non vuole più stare con me dice che era da tanto che aveva dei dubbi ma che non aveva la minima intenzione di troncare con me ma dopo il mio atteggiamento non ha voglia di perdonarmi ancora é stanco e sostiene che tanto litigavamo tutti i giorni. Che lui non fosse così innamorato di me lo sapevo ma mi ha sempre trattata con rispetto mi ha sopportata un sacco ed è una di quelle persone che c'è sempre se hai bisogno.....insomma non meritava per niente una reazione così.
Premetto che io ho avuto un infanzia terribile sono la 5a di sei figli mio padre violento che mi Disprezzava e madre ...boh con personalità indefinita comunque non gli ho mai visti insieme hanno divorziato che avevo 18mesi.
Ho cominciato a vivere da sola a 18 anni e con i miei non ho nessun tipo di rapporto. I miei problemi caratteriali li vedo senza speranza di miglioramento ho sempre avuto problemi di profonde insicurezze, depressione ricorrente,e appunto attacchi di ira nei confronti delle persone che amo mi rendo conto che cerco di ferirle profondamente.
Perdere il mio ragazzo che era per me l'unica speranza di avere una vita felice dopo tanto tempo mi ha fatto capire che non voglio che questo succeda ancora adesso sto abbastanza bene apparte il senso di vuoto che ho con me tutto il giorno e piango spesso, piango per lui che mi manca e perché mi sento semplicemente tanto demoralizzata e frustrata per la situazione che ho creato.
Spero intanto di avere qualche consiglio da lei e di poter a breve cominciare un percorso.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Antonino Savasta Inserita il 01/06/2016 - 17:08

Gentile Eva,
capire che qualcosa non va è il primo passo per cominciare un percorso di crescita, se si è disposti a farlo. Cosa che dici di voler fare. Se vuoi, contattami in privato, sarò felice di trovare dello spazio e del tempo da dedicare al tuo benessere.
Cordialmente, Dottor Antonino Savasta.