andrea domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 25/04/2016

Firenze

Gelosia ossessiva

Salve, ho 38 anni e ho una relazione con una donna, che da 8 è mia moglie, da 20 anni. Sono sempre stato geloso fino a quando non è nato mio figlio, 8 anni fa, da allora non sono più stato né geloso né possessivo fino ad oggi, quando Mia moglie ha scoperto che dovrà recarsi in Olanda per un corso di aggiornamento con una sua collega o con un suo collega. Se dovesse andare con la collega femmina non c'è nessun problema, ma l'idea che possa andare col collega maschio mi fa stare malissimo. So benissimo che si vedono tutti i giorni comunque, nonostante tutto mi sento morire all'idea che vada 4 giorni con lui. Niente mi fa pensare ad un potenziale tradimento, il problema è unicamente in me, e non vorrei essere così ma non riesco a smettere di pensarci. Cosa posso fare per uscire da questo tunnel, non riesco più ad essere sereno nemmeno con mio figlio,

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Simona Toto Inserita il 26/04/2016 - 12:44

Pomigliano d'Arco
|

Caro Andrea,
mi sembra di capire che lei è stato molto geloso fin dall’inizio del vostro rapporto e nonostante il fidanzamento sia durato molti anni, il problema della gelosia non è stato mai affrontato veramente. Con la nascita del bambino avete messo la polvere sotto il tappeto. Non è escluso che la gelosia possa segnalare una dipendenza affettiva di fondo. In quest’ottica il viaggio di sua moglie potrebbe essere una grande occasione per prendersi cura di sé, valutando insieme ad un esperto la paura di rimanere solo, che la nascita di suo figlio ha messo in stand by.
Con affetto.
Dott.ssa Simona Toto, psicologa psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, Pomigliano d’Arco (Na).

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 25/04/2016 - 21:08

Gentile Andrea,
occorrerebbe vedere un po' più a fondo questa paura, anche perché per anni era riuscito a gestirla, immagino per la nascita di suo figlio e i significati, ma non sembra che l'abbia davvero risolta.

Bisogna capire quanto Lei si fidi di sua moglie, se la rassicura quando Lei ha questa paura, e cosa la spaventa davvero; se è la possibilità di essere tradito o di essere lasciato.

Ci potrebbero essere insicurezze personali alla base, di tipo affettivo, ma questo andrebbe verificato con un colloquio.

Le consiglio quindi una consulenza con uno psicologo per chiarire e superare queste paure per viversi la sua relazione e la sua famiglia con serenità.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino.