Romina domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 27/11/2015

Chieti

Spero in un vostro aiuto

Salve..ho 19 anni e sto con un ragazzo che ne ha 23, stiamo insieme da 3 anni e negli ultimi due anni ci sono state troppe discussioni..alcune per motivi stupidi e alcune per motivi seri, ultimamente a me da fastidio tutto, sono gelosa anche del fratello che ha 14 anni e non voglio che passano del tempo insieme..mi da fastidio che va a pranzo dalla nonna e tante altre cose...l'altro giorno mi sono innervosita perché lui si fa la doccia con i compagni dopo gli allenamenti e dopo le partite, gliel'ho fatto presente ma mi ha detto che mi deve passare in quanto è da 15 anni che fa la doccia in palestra..mi ha detto di stare tranquilla perché nessuno guarda e pensano a lavarsi ecc...ma io non ci credo e continuo a starci male, ovviamente senza farglielo presente.
Sto male veramente, che faccio? Sono troppo gelosa? È mancanza di fiducia? Sono troppo possessiva nei suoi confronti?
Grazie per la disponibilità

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 01/12/2015 - 16:10

Gentile Romina,
è chiaro che, senza conoscerla e senza conoscere la sua storia non è possibile dire con certezza il perché di questo suo comportamento.
E' necessario che Lei identifichi con precisione maggiore quali siano le sue vere paure. Si spinga cioè a vedere cosa teme davvero.

E' chiaro che se Lei ci sta male, deve trovare una soluzione.
Da quello che sembra, arrivare a non sopportare che il suo ragazzo passi del tempo con suo fratello o faccia la doccia in palestra, non può essere una semplice gelosia. Potrebbe esserci alla base una insicurezza personale.

Per capire da dove origina questa insicurezza, ci sono molte domande da fare. Ad esempio, verificare se questa sua necessità di controllo si manifesta solo nei confronti del suo ragazzo, oppure ci sono altri ambiti che la fanno sentire in agitazioni simili. Se Lei ha amici con i quali esce anche da sola, senza il suo ragazzo, se studia o lavora o comunque che grado di autonomia ha, come vanno le cose con la sua famiglia, ecc...

In altre parole, deve lavorare su se stessa, per conoscere e superare le paure e i comportamenti di eccessivo controllo.

Se vuole, può farsi aiutare con delle consulenze psicologiche nel percorso di conoscenza di se stessa e delle sue risorse e capacità, per viversi la sua relazione in modo sereno.
Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino - Psicologa, Roma.