A.  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 21/02/2021

Vercelli

Lui e le sue amicizie femminili

Buongiorno,
ho conosciuto un uomo con cui è scattata un'ottima intesa e interessamento da ambo le parti. E' una persona molto schiva , all'apparenza molto dura ma che nasconde una spiccata sensibilità che mostra solo a poche persone. Data la situazione covid e vivendo distanti purtroppo ci è per ora non possibile vederci. E' presente quotidianamente, facciamo lunghe telefonate, ci cerchiamo, si apre confidandomi cose dette a poche persone e ha cercato di guadagnarsi la mia fiducia. Al momento io credo alla sua buona fede e sincerità, ma è complessa come persona e della sua difficoltà a lasciare nel passato certe presenze mi interrogo. Quando ci siamo conosciuti non ha molto gradito fossi in contatto col mio ex ( prima di conoscerlo ero ancora presa da lui e ha creduto di essere usato o aveva dubbi sulla mia sincerità) e per brutte esperienze precedenti ( ex di vecchie fiamme che gli han causato problemi) mi disse che se volevo sentirlo non dovevo aver a che fare con lui. Io ho capito le sue paure e ho sospeso i contatti spiegando al mio ex che i miei sentimenti erano mutati. Lui nella sua vita ha avuto una serie di flirt ( alcune irriducibili che ancora si fan vive) solo nei periodi da single forse per riempire la solitudine e dei amori finiti male non per colpa sua . Credo sia una persona che se si innamora sia sincero ma nella sua vita permane almeno una figura femminile del passato che ha causato gelosie con le ex ragazze . Si tratta di un vecchio amore con forte componente fisica , mai divenuta storia seria ma lui ha aiutato questa persona a uscire da una situazione davvero difficile e pericolosa. Lei è legata a lui e si fa sentire quotidianamente , lui è fiero di ciò che ha fatto in passato e dal momento che non ha mai tradito e nulla fa di male non ha assecondato le richieste delle ex ragazze di interrompere questo rapporto. Addirittura gli è stato chiesto di decidere e lui davanti questo aut aut ha diplomaticamente detto che non facendo nulla di male il problema era della fidanzata di quel momento e che se lo riteneva capace di tradire allora di lasciarlo e basta. Io capisco la logica , capisco il punto di vista di chi non fa nulla di male e vuole essere creduto ma capisco pure che una persona del passato verso cui si sa il proprio ragazzo sia stato fortemente attratto che si fa sentire ogni giorno per chiedere come sta in segno di gratitudine da più di 10 anni , che non si è rifatta una vita sentimentale , che lui apprezza e verso cui spende parole di alto apprezzamento ( quasi di unicità) possa essere vista come un impedimento alla formazione di un legame di coppia esclusivo. Alle volte è peggio che di un tradimento fisico perché credo che ciò che abbia scatenato la gelosia nelle passate compagne sia stato il fatto che lui abbia preferito in un certo senso perdere loro che allontanare o ridurre i contatti con questa persona. E' pure strano che questa donna lo contatti con questa frequenza e in così tanti anni non abbia trovato un altro punto di riferimento o non abbia avuto il dubbio di creare ingerenze nelle sue nuove storie. Non mi è parso molto sensibile da parte sua. La riconoscenza è stata più che dimostrata ma scrivere ogni giorno ai miei occhi assume i connotati di un legame in qualche modo che si vuol mantenere esclusivo, posso capire lui ne sia gratificato ma non sembra capire le possibile sofferenze che ciò può causare in una compagna che potrebbe sentirsi esclusa e minacciata da questo passato rivitalizzato. Infatti le altre fidanzate han proprio pensato di non essere le preferite e lui ha detto che così non era e che era un loro pensiero e che pure l'attrazione fisica apparteneva oramai a un passato. Allora perché questa persona è così fondamentale ? Perchè preferisce allontanare le compagne o chiedere di ingoiare questo boccone pur di non interrompere questo contatto ? Posso pensare che dato che ha vissuto ampi periodo da solo con storie serie finite male magari rappresenta una figura sicura ma così rovina i possibili rapport nascenti. Io sento che ci teniamo molto , che potrebbe nascere una bellissima storia , sto cercando di non scadere in gelosie e errori delle altre , ho cercato di capire ma io vengo da una storia precedente andata male perchè il mio lui ha iniziato a guardarsi troppo in giro e fidarsi non è semplice . Si vorrebbe l'esclusiva e se da una parte lui che risponde alle mie domande , che spiega , che cerca di rassicurarmi , che mi racconta della vicenda triste di lei , che mi rivela cose che non molti sanno mi pare sia un segnale che a me ci tenga dall'altra io non credo che sia del tutto normale questo attaccamento da parte di lei. Io non voglio eliminare il suo passato ma ogni volta che sento un apprezzamento a lei un pò sto male . So che lui è molto introverso..che per essere preso seriamente non ha fatto nemmeno un apprezzamento estetico su di me e quando si apre mi dice cose bellissime sul mio modo di essere che considera raro che lui stesso mi ha detto "io non dico molto a parole ..ma non vuol dire che non lo penso..e col tempo dirò tutto ma non parto in quarta". Questo atteggiamento cauto, la mia insicurezza dalla storia precedente, il sentir i complimenti verso questa figura e conoscere la passata attrazione non mi stanno facendo vivere serenamente un periodo stupendo. Non voglio essere inutilmente gelosa e rovinare tutto ma non è troppo legato a una passato ? Non è una ingerenza da ridurre col tempo ? Come ci si dovrebbe comportare i? Perchè questa figura è stata irrinunciabile a costo di far morire di gelosia le ragazze che dice di aver amato davvero ?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bennati Inserita il 22/02/2021 - 12:01

Lucca
|

Cara A., dalla sua lettera arriva molto il suo stato d'animo, ricco di incertezze, dubbi, ma anche speranza e fiducia verso questa relazione. La cosa che mi colpisce in particolare però è la sua attenzione a tutto ciò che la circonda, le altre donne, i loro comportamenti, le diverse situazioni, quest'uomo e il suo modo di vedere le relazioni...e solo in fondo emerge lei, quasi desse meno importanza a ciò che sente o fosse subordinato al comportamento altrui. Quello che percepisce è importante, si fidi delle sue sensazioni e dei suoi bisogni. E' importante che li metta in primo piano e che le sue scelte vengano fatte secondo quello che lei desidera e non sulla base di ciò che le viene chiesto o per conformarsi al volere dell'altro. Quello che può aiutarla è chiedersi: Cosa voglio e di cosa ho bisogno? Cosa mi fa stare bene e cosa vorrei da questa relazione? Spero di averle dato un piccolo aiuto. Buona giornata, Dr.ssa Valentina Bennati