Mariarita  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 23/11/2019

Benevento

Dubbi o paura nella relazione

Sono una ragazza di 25 anni, sono fidanzata da quasi 5. Ne vengo da un anno particolarmente burrascoso, dove ho lavorato per due anni in un centro commerciale e venivo pressata fisicamente e psicologicamente, dopo aver lavorato in tutto questo anno ho pensato ad aiutare il mio ragazzo perché la sua situazione lo rendeva infelice non riusciva a trovare laboro quindi si scoraggiava, io l’ho aiutato in tutto e per tutto. In quest’anno ho avuto crisi di panico, crisi di rabbia, coliche chi più ne ha più ne metta. Finalmente però ho deciso di lasciare il mio vecchio laboro circa 4 mesi fa e adesso pensare un po’ mi ritrovo io bell stessa situazione del mio ragazzo, con l differenza che lui ha trovato un lavoro a tempo indeterminato e io che sto vivendo un periodaccio se parlo con lui do quasi fastidio come se non entrasse in empatia con me. Il punto è questo lui lavora fuori la nostra città e sta andando con una ragazza più piccola di lui di 7 anni. Questa situazione mi sta uccidendo, mi riempie di dubbi, non so veramente come comportarmi anche perché lui è come se avesse capito quanto i miei sentimenti sono forti quindi è come se potesse giocare tranquillamente a fare quello che vuole. Una cosa i particolare mi ha reso così dubbiosa bei confronti di questa situazione, so bene che non si fa ma era più forte di me volevo sapere cosa lei gli avesse scritto e lui per tutto il tempo non ha aperto whatsapp per farmi vedere. Io gli sto dicendo che questa situazione mi crea disagio e malessere ma sembra non capire. Mi sento un tappetino non so veramente cosa fare. Forse sono io a sbagliare a dare tutto quello che si ha. Come affrontare la cosa?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giancarlo Gramaglia Inserita il 17/01/2020 - 12:25

Buongiorno,

dal suo racconto sembra che si trovi in uno stato di forte malessere psicologico che ha avuto importanti manifestazioni anche a livello somatico.
Risulta pertanto fondamentale nel suo caso riportare l’attenzione sul proprio benessere, giacché per godere della serenità di coppia è necessario in primis nutrire la propria, per poi sperimentare un buon grado di fiducia in se stessi e nell’altro.
Le consiglio d’informarsi per valutare la possibilità d’intraprendere un percorso terapeutico al fine di elaborare l’emotività che in questo momento le sta procurando disagio e apprendere nuove risorse relazionali di cui può avvalersi non solo nella sua vita di coppia, ma anche in ambito professionale.
Rimango disponibile per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti,
Dott. Giancarlo Gramaglia