Mario  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 19/07/2019

Roma

Perversioni in chat nonostante ho una relazione

Ho 25 anni, sono fidanzato da 8 anni e convivo da 3 con donna di 24 anni, il prossimo anno dovremmo sposarci. Ho vissuto un'infanzia e un'adolescenze travagliata, mio padre e mia madre litigavano spesso per via dei continui tradimenti di mio padre, mio padre cercava scambi di coppia e mia madre non c'è mai stata, ho visto video porno, foto di mio padre con altre donne presenti sul cellulare di mio padre. I miei genitori sono divorziati. Non ho parlato con mio padre per moltissimi anni nonostante lui mi abbia sempre cercato. Oltre a tradire mia mamma la picchiava anche. L'ho odiato per tutto il male che ha fatto a lei e di conseguenza a me. 8 anni fa incontro la mia compagna. Non la volevo perché sapevo che non sarei riuscito ad avere una relazione normale. Non mi fidavo di nessuno, di conseguenza nemmeno di lei. Lei ha insistito, mi ha dimostrato tanto, mi ha fatto credere nell'amore. Non riuscivo neppure ad avere rapporti sessuali inizialmente con lei, dopo un bel po' di tempo siamo riusciti e ora a letto tra di noi va molto bene. Nonostante io odiavo mio padre per i suoi sbagli, i stessi suoi sbagli da un po' di tempo li sto facendo anch'io. Mi sento sbagliato, mi faccio schifo. Da circa due anni frequento delle chat dove parlo con altri uomini/coppie. Mi piace che altri apprezzano la mia donna e mi eccita l'idea di immaginarla con altri. Nella realtà però non vorrei mai vedere la mia compagna con un altro. Amo il mondo della dominazione/sottomissione. In chat mi diverto a dominare e a volte a farmi sottomettere. Nella vita reale però non riuscirei neanche a farmi sottomettere. Tempo fa parlai con lei di tutto ciò a seguito di un tentantivo mio di suicidio perché frequentando le chat temevo che qualcuno che conoscevo aveva scoperto ciò che facevo in chat e la vergogna era tanta. Mi ha perdonato quella volta e avevo promesso a lei e a me stesso che non sarei più rientrato in quelle chat ma da qualche giorno fa sono rientrato in chat a fare ciò che ho fatto in passato. Ho parlato con lei nuovamente e lei sta male. Io sto male. Non vuole lasciarmi. Vorrei riuscire a non fare più gli stessi errori. In più ho paura, ansia, attacchi di panico. Paura che qualcuno mi ha scoperto. Paura che qualcuno rovini il giorno del mio matrimonio, paura che qualcuno ci faccia lasciare. Sto sprofondando nel baratro di nuovo.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 19/07/2019 - 12:33

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Mario,
Del suo messaggio molto denso ed articolato, mi ha colpito la lucidità e coerenza del racconto attraverso cui è riuscito ad individuare nessi critici ("nonostante io odiavo mio padre, i suoi stessi sbagli li sto facendo anch'io") e anche i punti di forza ("mi ha fatto credere nell'amore" e "vorrei riuscire a non fare più gli stessi errori").
Questo dimostra come lei, nonostante abbia trascorso un'infanzia ed un adolescenza "travagliate", sia dotato di diverse risorse che la inducono a ricercare una stabilità relazionale ("dovremmo sposarci").
Per rinforzare questa parte sana e vitale di sé, è consigliabile che lei si affidi ad uno psicoterapeuta che la aiuti ad elaborare quanto le è accaduto con i suoi genitori.
Infatti, per evitare di commettere "errori" simili a quelli di suo padre, è essenziale che lei elabori e superi quanto è accaduto nella sua infanzia.
In questo modo, acquisirà un'identità di uomo differenziata da quella di suo padre e potrà recuperare il contatto con il piano di realtà emotivo della sua partner, interrompendo così il contatto con la realtà virtuale delle chat.
Le auguro, in ogni caso, di risolvere la sua situazione.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).