Francesca  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 27/06/2019

Bologna

La mia ultima relazione mi ha provata psicologicamente

Salve dottori, ho da poco chiuso una frequentazione/ relazione con un ragazzo più grande di me. L’ho fatto con molta fatica perché mi sono resa conto dell’influsso che lui riesce ad avere su di me nel riprendermi ogni volta che mi allontano a causa dei suoi comportamenti scorretti. Non ha mai voluto impegnarsi in 8 mesi e ha sempre accusato me di ogni nostro litigio e ogni fallimento del nostro rapporto. Sono sempre stata consapevole che non fosse il tipo di persona adatta a me: poco attento, poco premuroso e molto egoista, eppure non sono mai riuscita ad allontanarlo e ogni volta che ci provavo lui tornava. La tattica era sempre la stessa: mi faceva sentire in colpa delle mie reazioni, a suo dire al limite della esagerazione e della pazzia (perché magari mi infastidivo se sapevo che si scambiava messaggi con la sua ex) e poi mi rassicurava dicendo che avrebbe provato ad essere più attento e costante, ma ogni volta con scarsi risultati e più io perdevo fiducia e mi allontanavo più lui mi dava della pesante e della pazza.
Mi ha sempre dato solo briciole facendole passare per grandi dimostrazioni, perché lui è impegnato a lavoro perché ha poca fiducia nel mondo a causa del suo passato difficile ecc.. e io l’ho sempre giustificato e ho cercato di attendere qualcosa che però non è mai arrivato.
Ho capito che il modo migliore per allontanarlo probabilmente è impedirgli di contattarmi perché in qualche modo lui riesce e manipolarmi come nessuno è riuscito mai.
Tutt’ora, anche se consapevole di quella che è la realtà, ho momenti in cui rimetto in discussione tutto e mi sembra di cedere ma se penso che riaprirgli una porta significa ancora accuse, insulti e mancanza di rispetto cerco di desistere.
Sono sempre stata una ragazza abbastanza forte, ferma nelle mie convinzioni e combattiva per difendere le mie idee. Eppure, non so come, ma con lui anche se molti suoi comportamenti o ragionamenti non mi piacevano finivo sempre per passarci sopra e rimuovere.
Questo ha portato molta insicurezza in me ora, perché non mi spiego come ciò sia potuto accadere e per la delusione che ne deriva. Cosa fare?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giorgia Caramma Inserita il 30/06/2019 - 17:43

Padova
|

Cara Francesca,

quella che mi descrivi sembra, purtroppo abbastanza chiaramente, una relazione in cui potresti aver vissuto della violenza psicologica.
L'idea che le donne che si trovano in queste situazioni siano donne "deboli" è scorretta. Anzi, spesso sono le donne che si fanno attirare dalla "sfida" che rimangono più facilmente imbrigliate in questo tipo di relazioni "tossiche".

In questi casi la tentazione di riavvicinarsi a lui e di vivere nuovamente di quelle emozioni tanto intense ma anche tanto disfunzionali è forte. Come anche la tendenza di lui a cercare di farti riavvicinare.

Se però hai deciso di mettere un punto a una relazione in cui hai vissuto una forte manipolazione che può aver messo a dura prova la tua autostima, il mio consiglio è quello di rivolgersi a un professionista che si occupi di tematiche di violenza di genere.
Penso che una consulenza psicologica potrebbe aiutarti a fare luce sul tipo di relazione che vivi per capire se è in atto una manipolazione o della violenza psicologica che sta minando la tua autostima e la tua capacità di prendere decisioni.

Ti consiglio di dare un'occhiata a una pagina a cui ho collaborato che evidenzia le caratteristiche della violenza psicologica (http://chaynitalia.org/violenza-psicologica/) e le conseguenze a cui va incontro chi la subisce.

Se desiderassi approfondire contattami pure al 3497848144.
Ti auguro una buona giornata!
Dott.ssa Giorgia Caramma (Padova - Ragusa - online)
www.loradellapsicologia.it