federica  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/04/2019

Agrigento

amanti: relazione con un uomo sposato

Buongiorno, sono una ragazza di 30 anni che da quasi 2 anni vive una relazione con un uomo sposato. E'iniziato tutto perchè io uscivo da una storia importante e non volevo nessun impegno e coinvolgimento e all'epoca ce l'avevo col mondo intero; poi è nata una forte amicizia e alla fine ci siamo innamorati. Me la sono sempre vissuta bene finchè la moglie non ha iniziato mesi fa a sospettare di noi, ora lei sa ma fa finta di niente a parte i momenti in cui perde le staffe ma comunque non lo lascia. Non sono qui per cercare di capire perchè lui non fa una scelta in quanto lui con me è stato molto chiaro ammettendo che ora non ce la fa a prendere una decisione per via di vari fattori (lavoro,casa...). Sono qui a scrivervi perchè mi sento completamente incoerente con me stessa: sto male davvero perchè lui la tiene buona e non prende la palle al balzo quando lei furiosa dice basta e allo stesso tempo quando lei dice basta a me viene da allontanarmi e non sono più così sicura che se si lasciassero io vorrei stare con lui. perchè mi succede questo? Io non riesco a chiudere e preferirei fosse lui a dirmelo ed io lo accetterei.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 08/04/2019 - 18:24

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Federica,
Penso che per uscire dall'empasse in cui si trova sia essenziale innanzitutto, chiedersi come mai accetti di non avere attenzioni esclusive da un partner.
Il ruolo di "amante", infatti, la pone in un ruolo non centrale nella vita affettiva dell'uomo descritto.
Questo può rappresentare un aspetto di autosvalutazione che si associa, probabilmente, al suo desiderio che sia lui a "chiudere", e quindi a subire una decisione.
Come mai si trova in una relazione sbilanciata in questo senso?
Forse anche quest'ultimo aspetto la induce a non "essere più così sicura" qualora si lasciassero.
Al di là delle difficoltà legate al fatto di essere "amante", come si sente nella relazione con l'uomo descritto?
Corrisponde al suo ideale di uomo?
Che sentimenti prova per lui?
Come sta in generale, al di là delle problematiche esposte nel messaggio?
Se desidera approfondire la questione, può scrivermi o contattarmi.
Un caro saluto.
Dottore.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).