Alice  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 14/03/2019

Bologna

Continure pensando di vivere l’attimo finché dura?

Da circa cinque mesi mi vedo e condivido bei momenti con l’insegnante di musica di mio figlio, è nato tutto velocemente, sebbene ci si conoscesse da tre anni e sicuramente lui come persona mi intrigava, non c’è stato mai modo di approfondire la sua conoscenza. Fino a quando un giorno si è confidato del periodo difficile che stava attraversando con i figli e del legame conclusosi qualche mese prima con la donna ( non la madre dei figli) con cui stava da ben dieci anni, aveva bisogno di uscire ed io mi sono resa disponibile, mi ha inviato a cena e senza tanti ripensamenti ci siamo ritrovati in un turbillon di sensazioni pazzesche ed un intesa sessuale che ancora oggi a distanza di mesi mi meraviglio di come possa essere così duratura, soddisfacente e naturale.
Sembrerebbe tutto perfetto... sennonché a distanza di una settimana circa dal nostro primo incontro viene fuori che lui prova amore e profonda affinità e quindi attrazione di testa per una sua parente molto più giovane di lui , lei era venuta a trovarlo, destino vuole proprio il giorno successivo al nostro travolgente incontro, lo sapevo pure mi aveva parlato del suo arrivo neanche poi così entusiasticamente....
Nel frattempo con la ex, che doveva andare a casa a prendersi le sue ultime cose, scatta prima un momento ti tenero addio, poi rabbia da parte di lei quando realizza la non più “ esclusività “ con lui e scatta in lei la volontà a rimettersi in gioco per una eventuale ripresa..
Sono passati un po’ di mesi e la situazione è questa: La fanciulla che aveva dichiarato il suo amore “libero”, non voleva assolutamente nessuna storia o legame, doveva essere vissuta intensamente le volte che si sarebbero visti, si è dissolta quasi subito, con però sporadiche apparizioni di messaggi e-mail nei quali illudeva con possibili incontri mai andati a buon fine, lasciando lui con l’idea che il sentimento era così forte da aver paura di viverlo,
L’ ex con la quale non vuole più un rapporto “esclusivo “ , si è riavvicinata e lui non ha saputo rinunciarvi, nonostante stiano insieme meno del tempo che condivide con me.
Io non so esattamente cosa provo, il tempo passato insieme è di qualità e mi sento bene, ha anche allestito una camera tutta per noi con la stufa, la musica, tutto perfetto.
Non voglio una relazione, non potrei proprio affrontarla, dopo anni mi sono trovata con un bimbo da sola a dover ricominciare tutto da capo...anche per quanto riguarda il lavoro, quindi prima devo pensare a me a mio figlio ed il tempo da dedicare ad un ipotetico compagno non è proprio contemplato.
Però a distanza di mesi quello che doveva essere un momento “ carpe diem “ molto bello, il mio svago senza tante pippe , si sta trasformando in qualcosa di più strutturato, brevi vacanze insieme e vedere comunque che c’è affinità anche nella vita di tutti i giorni, in viaggio, lui dice che si sta affezionando sempre di più, ma non è innamorato, fin dall’inizio mi diceva che quella con cui stava meglio ero io e sarebbe stato tutto più semplice fosse scattata la scintilla dell’ innamoramento, e lo sento, lo percepisco, però mi chiedo quanto sia salutare questo, se non sia fin troppo naïf e dove ci porterà. Ci sono dei momenti che credo che meglio di così, in questo determinato momento, non mi poteva andar bene. Altri momenti che mi ritrovo triste.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Laura De Martino Inserita il 18/03/2019 - 16:00

Napoli
|

Cara Sara, credo che le cose non capitino per caso, e se oggi si trova a vivere una storia "naif" è perché, come dice, non sente ci sia spazio per altro. Sono sicura che quando ciò accadrà, ovvero quando si sentirà pronta per altro, altro succederà.

Un caro saluto
Dr.ssa Laura De Martino
Psicologa e Psicoterapeuta Relazionale e familiare,
Napoli, Tel 3280273833