Paola  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 06/01/2019

Venezia

Confusione sui rapporti con le persone a fianco e orientamento

Ciao a tutti sono Paola e ho 27 anni vi scrivo per raccontarvi quello che mi è accaduto nell'ultimo mese e che ha mandato la mia testa in tilt. Finalmente dopo tanto tempo sono riuscita a baciare e scoprire di essere anche ricambiata dal ragazzo che mi piace da più di un anno. Il problema è che lui in realtà ha una compagna e a breve avranno un figlio. Lui è più grande di me di 10 anni ma ci conosciamo da una vita abitando nello stesso quartiere ed è l'unico con cui realmente sono riuscita a espormi tanto. Il problema è però che con questa sua situazione quando lo bacio mi sento in colpa, non mi sento pulita per quello che sto facendo e dunque non riesco a godermi fino in fondo il momento. Inoltre il problema sorge anche per il tipo di rapporto che ho con la mia migliore amica. Lei ed io ci conosciamo da circa 6 anni ma solamente da 3 anni siamo veramente legate e amiche alche alcune persone ci definiscono perfino '' una vecchia coppia sposata '' . Lei è molto affettuosa verso i mie confronti e mi ha portato a un livello d'importanza molto alto, quasi su un podio poiché mi ha raccontato delle cose intime che le hanno segnato il carattere e delle ferite per lei incurabili. Questo evento catastrofico che l'ha segnata è la morte del padre avvenuta quando lei aveva circa 10 anni se non meno e l'ha portata a una chiusura totale con l'esterno e in me dice che ha trovato la forza per avere nuovamente fiducia nelle altre persone e a sorridere dopo tanto tempo. Una sera a casa sua arriva un 'altra confessione che la distrugge dentro da tempo, comincia a piangere allora io mi avvicino l'abbraccio e comincio a baciarle la guancia, le tocco le labbra e le accarezzo i capelli. Ho provato un forte dolore perchè ogni cosa che le succede la colpisce subito è fragile però io allo stesso tempo mi sono fatta delle domande sul mio comportamento. Purtroppo ha un carattere complesso che richiede energie e a volte io perdo la bussola. La sera del 31 oltretutto il ragazzo che mi piace è venuto a trovarmi a casa dei miei amici poi ci siamo appartati e ci siamo baciati per un bel pò ma lei da giorni aveva un pensiero triste che voleva svelarmi ho visto i suoi occhi quella sera e ci pensavo mentre baciavo lui allo stesso tempo. Ad un certo punto volevo adirittura smettere perchè a volte sento il bisogno dio parlargli ho paura che con le poche volte che ci vediamo il nostro rapporto si riduca solo a baciarci. Con lui mi sto scoprendo anche dal punto di vista sessuale e ho paura di sbagliare di attaccarmi troppo a lui, di illudermi e di far perdere qualcosa anche a lui stesso. Lui ha già qualcosa di avviato a breve potrebbe avere una famiglia invece io fra qualche mese farò il viaggio che aspetto da una vita in Cina e non voglio legarmi a qualcosa qui perché ho sempre paura che li dall'altra parte del mondo ci sia la possibilità di trovare qualcuno o di avere offerte di lavoro ho paura di mettere radici e con il comportamento che ho avuto con la mia amica del mio orientamento.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Alessio Sandalo Inserita il 07/01/2019 - 10:26

Torino
|

Cara Paola, dal suo racconto emerge tutta l'intensità con cui vive i suoi rapporti affettivi, sia di amicizia che di coppia. Questa empatia a volte le fa paura perché non sa riconoscere i suoi slanci senza che questi prendano il sopravvento sul significato che desidera dargli. La sua difficoltà ad unire pensiero, emozione, sentimento, le fa subire uno stato di ansia e confusione che le provoca dolore e la blocca. Ci vuole del tempo per poter trovare una riflessione più articolata. Altrimenti rischia di accumulare sensi di colpa, e questo non fa bene alla sua salute (mentale e fisica). Si prenda del tempo per sè, Magari provi a consultare uno psicologo. Le farà bene dare parola e immagini al suo mondo interno.