Vale83 domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 24/03/2015

Caserta

Troppe paure....

Buon giorno sono Valentina ho 31 anni e sono felicemente sposata...ho un bimbo di 3 anni e ultimamente sono un po' in ansia...arrivo da un periodo di due anni, un po'difficile.Problemi economici, difficoltà' nel lavoro, ma non direttamente della mia famiglia, ma dei miei genitori...questa crisi ci ha devastato...ora finalmente un po' di pace...il lavoro e'arrivato, ma mi sentivo qualche giorno fa spenta...in quei giorni vengo a sapere che i cugini di mio marito stanno attraversando una bella crisi...lui la tradisce, altro che crisi...io ricordo in quell'istante che qualche giorno fa avevo fatto un apprezzamento ad un ragazzo...cioè', avevo detto bhe un bel ragazzo...niente di più....da li. Ho iniziato a farmi mille domande, allora non amo più' mio marito, e'cambiato qualcosa tra di noi..un turbine di angosce...paure...come se non avessi più' la terra sotto i piedi...cosa che se non avessi saputo dei cugini, non ci avrei pensato...almeno lo credo...sono sempre stata insicura, ma in questi 5 anni meravigliosi, non è mai mancato nulla nel mio matrimonio....amore affetto intimità'...perché' allora ho avuto queste paure?ora sono nella fase paura della paura...o sto diventando matta, o non so davvero...mio marito, sa tutto e mi ha confortato...dicendomi che è' normale...capita a tutti notare in giro le persone...ma io perché sono così insicura?non vivo serena...la mia vita fino a qualche settimana fa non era così....grazie valentina

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 26/03/2015 - 23:19

Gentile Vale83,

non è poi così infrequente che nel contesto di una relazione stabile ci siano dei momenti in cui si è meno sicuri dei sentimenti e del rapporto stesso.
Tuttavia, se la "paura della paura", come la definisce lei, dovesse persistere, può parlarne ancora con suo marito e decidere insieme a lui di chiedere un consulto ad uno psicoterapeuta della coppia.

Resto a sua disposizione

Dr.ssa Valentina Nappo
Psicoterapia individuale, psicoterapia di coppia, psicoterapia familiare
via Epomeo, Napoli
via Roma, Pompei (NA)
via Scopari, San Giuseppe Vesuviano (NA)
http://www.psicodialogando.com/

Dott. Stefano Iovino Inserita il 26/03/2015 - 07:22

Gentile Valentina,
le circostanze della vita, i momenti di stress, le fasi di crescita etc sono episodi che si accompagnano ad una serie di emozioni che spesso facciamo fatica a riconoscere o a decifrare. Vivere momenti di paura è assolutamente normale. Comprendo però che la ricorsività dei suoi pensieri sia una brutta bestia con la quale convivere e, a tal proposito, le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta così da affrontare insieme la problematica. Vedrà che ne verrà a capo.
Un caro in bocca al lupo,

Dott. Stefano Iovino
Psicologo Clinico
Specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Via G. Fiorelli, 12 - Napoli
Via G. Alfani, 46 - Torre Annunziata (Na)

Dott.ssa Agnese Tiziana Magno Inserita il 25/03/2015 - 23:29

Gentile Vale83 credo che dovrebbe innanzitutto ritenersi fortunata ad avere accanto un marito che la rassicura che gli occhi siano fatti per guardare... Ora, scherzi a parte, se proprio non riesce a gestire da sola questa "paura della paura" si rivolga ad un collega della sua zona. Adesso ha bisogno di essere rassicurata, ma ha bisogno soprattutto di trovare rassicurazioni dentro di sé e finché ci sarà la paura a coprirle, non riuscirà a trovarle. Potrei azzardare l'ipotesi, campata un po' in aria perché lei non lo specifica, che forse lei abbia paragonato inconsciamente il suo rapporto con suo marito a quello di questi parenti: il pensiero "Erano felici e guarda com'è finita!" è diventato: "Siamo felici, ecco come finirà". Questa, ripeto, è solo un'ipotesi azzardata e uno spunto per iniziare a riflettere, ma se non dovesse essere pertinente o non dovesse bastare a farla sentire meglio, si rivolga con fiducia ad un collega della sua zona.
Cordiali saluti, dr.ssa Agnese Tiziana Magno