Cristina domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 28/05/2016

Lecce

Avere tutto e non essere felici

Buonasera,
Sono disperata il mio ex mi sta facendo impazzire... ha praticamente tutto ed é perennemente insoddisfatto ed infelice... mi spiego meglio lavora in banca un posto che gli invidiano milioni di ragazzi ma lui fa di tutto per lasciarlo ha deciso di prendere un anno di aspettativa ed andare in Australia dopo 2 mesi è tornato anche li era infelice ed insoddisfatto... al suo ritorno era a terra depresso infelice più che mai non aveva voglia di fare nulla si sentiva un fallito... con grande fatica sono riuscita a dargli nuova speranza... dopo 6 mesi è ritornato a lavoro ha cominciato a fare praticantato e stavamo tentando di aprire un attività insieme... quando sembrava stare un po' meglio di punto in bianco mi ha lasciata... continua a volermi nella sua vita ma nonostante riconosca la mia 'perfezione' vuole tutto quello che c'era prima tranne lo stare insieme... ora mi domando ma una persona può avere tutto ed essere sempre infelice? Aggiungo che non ha problemi a casa o di chissà quale natura... ha un estremo bisogno di emozioni forti infatti pratica sport estremi... secondo voi è normale o ha un problema psicologico? Non so che fare gli voglio bene ma stargli vicino mi sta consumando ... grazie a chi volesse rispondermi

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 06/06/2016 - 12:59

Gentilissima,

la risposta alla sua semplice domanda è "si, si può essere infelici e insoddisfatti pur avendo cose che altri non hanno e che desidererebbero ardentemente".
Ora, piuttosto che cercare di comprendere il comportamento del suo ex, non le sarebbe più utile iniziare a concentrarsi su di sè? Lo vuole un ragazzo con questa caratteristiche al suo fianco?
Buona riflessione!

Resto a disposizione
dr.ssa Valentina Nappo
Psicologa e psicoterapeuta a Napoli Vomero, Melito, Pompei, San Giuseppe Vesuviano (NA)
Terapia individuale, terapia di coppia
www.psicodialogando.com

Dott.ssa Katjuscia Manganiello Inserita il 30/05/2016 - 13:35

Cara Cristina, il suo ex ragazzo manifesta la difficoltà a canalizzare le energie verso un obiettivo. Quello che racconta mi fa pensare ad una eccessiva presenza di energia che viene impiegata un po' dove capita senza uno scopo preciso.

Sicuramente il supporto psicologico potrebbe essergli utile a contenere gli eccessi e a sentirsi più soddisfatto ma solo lui può sentire il bisogno di farlo e di conseguenza solo lui può decidere di iniziare un percorso.

Quello che mi stupisce, comunque, è come mai si senta tanto coinvolta da un ragazzo che definisce suo ex. Se non fa più parte della sua vita lasci che proceda per la sua strada. Consumarsi per un ex che senso ha?

Lasciare andare una persona cara è doloroso ma è il solo modo per costruirsi nuove possibilità. Riporti l'attenzione su di sé e sui suoi desideri, lui saprà cavarsela da solo.

Auguri, dr Katjuscia Manganiello