ale domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 12/04/2016

Savona

Non sopporto più mia mamma

ho 20 anni e vivo con miei. ogni occasione per mia mamma è buona per riprendermi e dirmi sempre e solo che non mi tengo e che non mi vorrà mai nessuno. delle volte si aggrappa a questa cosa quando si parla delle cose normali. peccato che questi suoi complimenti vanno avanti da quando ero piccola, più o meno nel periodo pre adolescenziale. come devo fare? non sempra una reazione esagerata? la mia autostima non c'è praticamente più, la madre dovrebbe essere la prima a farti dei complimenti e farti credere in te stessa.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Flavia Massaro Inserita il 12/04/2016 - 15:43

Milano - Niguarda, Cà Granda, Bicocca
|

Cara Ale,

i rapporti fra madre e figlia possono essere molto complicati e non scevri da invidie, rancore, sentimenti ambivalenti. E' possibile che Sua madre sia una persona infelice e invidiosa, che non tollera che Lei possa avere successo nella vita, e che per questo tenda a scoraggiarLa e a prevedere per Lei un futuro poco felice.
E' però anche possibile che i discorsi sgradevoli che Le rivolge siano motivati dalla convinzione di spronarLa in questo modo a prendersi più cura di sè: non pochi genitori sono convinti che insultare e offendere i figli sia un buon metodo per incoraggiarli a migliorare, anche se questo non funziona quasi mai, e a volte non si risparmiano nell'utilizzo di questo metodo.
Cerchi di capire come mai Sua madre si comporta così e magari glielo chieda apertamente, dicendole che gli effetti di queste sue affermazioni non sono certo positivi per Lei e per il vostro rapporto.
In ogni caso a questo punto della Sua vita è importante che Lei si prepari al futuro distaccandosi gradualmente dalla necessità di ricevere compimenti in famiglia per sentire di valere e di essere una persona che merita di essere apprezzata e amata.

E' importante che la Sua autostima e la Sua opinione di sè stessa dipenda sempre più da sue valutazioni e percezioni e sempre meno da quelle di altri, altrimenti rimarrà in loro balia. Cerchi quindi di concentrarsi di più su sè stessa e di valutare oggettivamente la situazione, riflettendo sul fatto che Sua mamma non ha automaticamente ragione sul Suo conto solo perchè è la persona che l'ha cresciuta.

Le faccio tanti auguri,
dott.ssa Flavia Massaro
psicologa a Milano e Mariano Comense
www.serviziodipsicologia.it

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 13/04/2016 - 08:34

Buongiorno Ale,
è comprensibile la tua frustrazione ed insofferenza nel vivere questa situazione e il ripetersi di tali episodi. Ciò che non traspare invece completamente è la tua richiesta... è molto complesso, se non impossibile, trovare una maniera di gestire la propria situazione familiare, senza passare prima per un'esplorazione di se stessi. Soltanto così si può vivere e percepire in maniera differente ciò che l'ambiente ci presenta. Pertanto alla domanda del "cosa fare", la risposta da parte nostra potrà essere quella di consigliarti un percorso terapeutico di consapevolezza interiore. Il sentirti dire queste cose sembra aver minato la tua autostima, quindi immagino che ciò abbia ripercussioni sulla tua quotidianità o su altri elementi della tua vita.. lavoro, istruzione, amicizie, rapporti affettivi, espressione di te, delle tue idee, dei tuoi bisogni..?? E forse è anche questo che ti crea insoddisfazione e sofferenza? Anche in questo caso, la psicoterapia può aiutarti a riappropriati dei tuoi diritti e bisogni emotivi, e allo sviluppo di una sana autostima e fiducia in te stessa, per affrontare il mondo in maniera differente e migliore.
Se desideri maggiori informazioni, puoi contattarmi, senza alcun impegno.
Un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
www.chiarafrancesconi.it