Francesca domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 25/05/2017

Taranto

Paura di discutere e litigare

Sono una ragazza di 22 anni, mi chiamo Francesca e praticamente da anni ho un problema che mi fa diventare parecchio severa con me stessa: ho paura dei litigi e delle discussioni. Tendo a reprimere spesso le cose che non mi vanno bene tanto che gli altri pensano che io sia semplicemente una persona dotata di una pazienza eccessiva. In realtà so guardare le cose dal punto di vista critico, so lamentarmi di ciò che non mi va bene ma mai con le persone direttamente interessate..perche ho paura di sostenere una discussione e mi sento come fossi ad un esame all'università in cui dimentico completamente cosa devo dire senza essermi preparata un discorso prima. Questo può portare gli altri a pensare che io mi diverta a parlare alle spalle, ma in realtà mi rivolgo sempre e soltanto a persone che so conoscermi bene e quindi non inclini ad un giudizio negativo contro di me. Quando poi finalmente mi faccio coraggio e decido di affrontare la persona verso la quale nutro dei sentimenti avversi o le cui azioni non mi piacciono mi sento ansiosa, preoccupata e non riesco mai a tirare veramente fuori tutto per paura di ferire chi ho di fronte e per paura di non sapere sostenere le mie tesi con coraggio. Così mi lascio facilmente trascinare dalla retorica altrui e il più delle volte la mia insicurezza permette a chi ho di fronte di "rigirare la frittata" a proprio modo e mi autoconvinco di essere io il problema. Questa cosa mi fa molto soffrire.. soprattutto perché non mi permette di vivere serenamente i rapporti d'amicizia e quelli più estranei. Rimango muta davanti alle accuse e soffro dentr. Chiedo una mano, perché vorrei sapere da cosa può dipendere questa "paura degli altri" che é insita in me anche quando so di avere ragione.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Serena Fuart Inserita il 26/05/2017 - 08:04

Buongiorno, litigare e configgere sono due aspetti che fanno parte della nostra vita e fanno emergere parti di noi importanti. Sono liberatori e sciolgono tante tensioni non dette che altrimenti restano nell'aria avvelenandola o peggio dentro di noi.Non è semplice a volte soprattutto se non ci sia autorizza a dire la propria e non ci si sente all'altezza degli altri. Occorrerebbero dei colloqui informativi nel Suo caso per capire cosa la blocca(insicurezza? bassa autostima? precedenti esperienze negative? altro?).
A disposizione
Serena Fuart