Riccardo domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 23/01/2017

Mancanza di passione per Medicina (?)

Salve,
Sono uno studente al terzo anno di medicina, precedentemente laureato in genetica e biologia molecolare. Sottolineo il precedenre percorso in quanto, in concomitanza con l inizio dei tirocini quest anno, ho somatizzato molto l ansia con malessere generale, che mi ha portato a dubitare della mia scelta. Credo che la mia precedente formazione contribuisca alla mia attuale confusione, in quanto non riesco ad appassionarmi agli argomenti studiati, vedendomi sempre come un biologo che studia medicina, piuttosto che studente vero e proprio. Ho paura di mollare tutto perchè ho faticato molto ad arrivare fin qui, ma al tempo stesso credo che sensa passione sia impossibile proseguire gli studi. "Basterebbe" cambiare il punto di vista e guardare tutto da un altra ottica, ma non ci riesco. Continuo a sentirmi estraneo a ciò che studio, con conseguente perditadi interesse. Spero possiate darmi un consiglio, grazie.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 24/01/2017 - 13:08

Salve Riccardo, per capire meglio la sua situazione bisognerebbe approfondire i motivi che l'hanno portata a scegliere di frequentare la facoltà di medicina. Nel momento in cui l'ha scelta pensava che potesse piacerle? Se sì, c'erano altri fattori che hanno influenzato la sua scelta? Ci sono tante variabili che possono influenzare la scelta della facoltà universitaria e la passione per ciò che si studia è sicuramente una di queste. Per alcune persone è fondamentale studiare qualcosa che piace veramente e mi sembra che questo sia anche il suo caso. Come mai sta cercando di forzarsi a proseguire questo percorso anche se non è appassionato? Non deve necessariamente appassionarsi a queste materie e cambiare il suo punto di vista, ma per quale motivo vorrebbe farlo?
Se vuole approfondire il discorso mi scriva

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 23/01/2017 - 23:13

Gentile Riccardo,
biologia e medicina sono discipline contigue e quindi è facile che possano esserci difficoltà o fraintendimenti nella scelta.
Le consiglierei di parlare di persona con uno psicologo, sia per approfondire i motivi e la congruità delle sue scelte e le cause personali o ambientali del disagio attuale, sia per potenziare le sue capacità di inserirsi nel mondo lavorativo e di scegliere le opportunità (di studio e/o di lavoro) più adatte alle sue doti e capacità.
cordiali saluti