rosario domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 09/08/2016

Catanzaro

Depressione e rinunce

Salve Dottori approfitto per chiedervi un consulto . La mia storia non è breve ma cercherò di sintetizzare fino all'ultimo evento . Dai 16 anni in poi l'ansia continua i controlli esagerati del gas , della serratura . del freno dell'auto, delle luci , della posizione di allerta in bus , insomma una vita passata con la paura addosso . Oggi sono un trentenne infelice . Mi laureo , concorso al nord , stranamente lo vinco io cioè proprio io faccio un punteggio altissimo mahhh ,mi chiamano e qui comincia il problema nei giorni precedenti il viaggio verso trieste ho paura , tachicardia, problemi di stomaco, tristezza ecc non capisco dovrei essere felice ma nulla comunque vado . Già in aereo comincio a sentire terrore non paura terrore di cosa poi non so , arrivo in albergo e non riesco a trattenere le lacrime in nessun modo piango e ripiango tremando come se fossi ad un lutto , ma dovrei essere felice ma niente penso alla mia famiglia penso al futuro che mi aspetta e per uno come me di sicuro sarà terribile ma ho 28 anni non sono un bambino eppure piango non riesco a mangiare vomito mi sento il terrore addosso . Alla fine faccio un mese di lavoro e scappo rinuncio a tre anni di contratto con uno stipendio altissimo perdo 7 chili in un mese e torno a casa . STO meglio ma il rimorso mi tormenta ho rifiutato un lavoro mi sento un verme un inetto forse dovevo resistere e invece un fallimento.
Forse la domanda non potra avere mai una risposta ma secondo voi medici che studiate i processi mentali come ci si può perdonare ?
Io non sono un medico ma sono convinto che questa tristezza e il susseguirsi di pensieri negativi pessimistici verso il futuro che immagino pieno di solitudine ecc sia dovuto ad una certezza purtroppo sono gay . Grazie mille a tutti .

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 09/08/2016 - 21:12

Gentile Rosario,
non credo che l'ansia che descrive, soprattutto la sua entità e le sue caratteristiche, dipendano dall'essere gay. L'ansia ha cause inconsce che probabilmente sono di altra natura, anche se la sua sessualità potrebbe avere un certo ruolo.

Penso perciò che dovrebbe affrontare un percorso terapeutico perchè dall'ansia se ne esce con una terapia psicologica.
Una consulenza può gettare luce sui suoi vissuti e darle una prognosi sui possibili risultati di una terapia.
cordiali saluti