Robil domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 20/08/2014

Palermo

Ora di una svolta. Come quando e perchè

Si può ancora dopo due anni essere in balia di una insicurezza che non ti lascia respirare?
1) studio Medicina e frequentando il reparto e soprattutto la sala operatoria mi sale un angoscia e uno stress che mi fa bloccare e mi fa pensare molto adoro questa professione e non capisco perchè dovrei precludemi di fare il chirurgo piuttosto che il clinico o ricercatore 2)evitare di uscire con ragazze anche che mostrano palesemente interesse per me. Evito soprattutto quelle forti di carattere e preferirei andare con qualcuna che è insicura anche se ciò non mi piacerebbe affatto ma soltanto per il fatto che non sarei sotto"le sue ASPETTATIVE". Ecco tutto si basa su una perdita di autostima, sicurezza che mi impedisce di potere essere in grado di essere abile in qualsiasi situazione e aspettative. Un giorno di poter operare senza avere l'ansia,o la paura di poter uccidere qualcuno sotto i ferri, o la possibilità di stare con qualcuno senza dimostrare la mia insicurezza. Mi viene spontaneo dimostrare di essere debole come per "annunciare" come sono. A volte ho paura anche di non riconoscermi, di poter fare del male gratuito e senza uno scopo ma semplice mi immagino le scene. IO SO CHE TUTTO CIò è CREATO DALL'ANSIA. L'ANSIA DI POTER FARE DEL MALE E SE FOSSE DIVERSAMENTE NON MI PORREI NEANCHE LA DOMANDA. Provo a vivere ogni momento in maniera piu felice possibile ma non riesco ad essere il ragazzo di un tempo forte determinato. Grazie in anticipo a chi risponderà

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Marta Cogo Inserita il 01/09/2014 - 18:24

Gentile Robil,
porsi delle domande e cercare di darsi delle risposte è il primo passo che deve fare chi desidera stare meglio!
Purtroppo però a volte non è sufficiente: l'ansia di cui lei parla sembra essere ricca di molte sfaccettature che meritano di essere prese in considerazione ad una ad una per capirne le origini comuni. Le consiglio pertanto di rivolgersi ad un terapeuta della sua zona per cominciare un percorso di riflessione e cambiamento su di sè. Buon lavoro!

Dott.ssa Marta Cogo