Alessio domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 18/07/2016

Fermo

Cercare una soluzione

Salve. Sono Alessio, ho 18 anni e scrivo perchè sento di dover parlare a qualcuno della mia situazione. Sono omosessuale, l'ho pienamente capito e accettato da circa un anno; eppure, credo che parte delle mie insicurezze e paure siano dovute proprio al mio orientamento sessuale. Mi spiego meglio: ho paura di rimanere solo, di non trovare qualcuno che possa amarmi e che io possa amare, e che persino i miei amici e i miei familiari possano abbandonarmi; mi sento perennemente insicuro, ed ho frequentemente delle "crisi", dovute probabilmente alla mia bassa autostima. Spesso, infatti, sento di apparire inutile, quasi come ad essere un peso per me stesso prima, e per gli altri poi. Ci sono giorni in cui sembra che tutto vada male, e in cui sento particolarmente bisogno di una persona al mio fianco. Sono giovane e consapevole di avere anche tutta la vita davanti, cosi come so che non dovrei basare la mia vita semplicemente su questa persona "speciale". Eppure, quando penso di poter passare avanti, mi ritrovo sempre al punto di partenza. Spero che possiate, in qualche modo, consigliarmi su come poter risolvere la mia situazione. Vi ringrazio in anticipo. Saluti.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Federica Grassi Inserita il 18/07/2016 - 23:29

Pavia
|

Buongiorno Alessio, sicuramente la presa consapevolezza del suo orientamento sessuale porta con se' non poche insicurezze, insicurezze proprie della sua età probabilmente appesantite dal suo sentirsi "diverso". Le crisi e le paure sono del tutto comprensibili e normali considerando ciò che scrive, sicuramente iniziare un percorso di sostegno psicologico con un professionista che la metta a suo agio e accolga le sue riflessioni aiutandola a fare ordine nei suoi pensieri potrebbe essere utile. Le auguro una buona giornata, Dott.ssa Federica Grassi