Claudia domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 21/06/2016

amore, ansia e lavoro

Buona sera a tutti sono una ragazza di 22 anni a soffro di ansia costante ormai da un anno e mezzo. Prendo dei farmaci per farmela passare ogni tanto funziona ogni tanto no. Da un anno e mezzo faccio la cameriera in un pub che non mi permette di avere una vita normale, da gennaio le mie college se ne sono andate e sono arrivati altre due persone non mi trovo molto bene a lavorare con loro ma cerco di farmelo andare bene. Da quando non ci sono più loro sono triste e non riesco a fare le stesse cose di prima non riesco più a fare il mio lavoro in modo efficiente, non sorrido più, mi sento stupida e mi imbarazzo quando vado dai clienti, prima invece sorridevo e non mi vergognavo di nulla, anzi ero la migliore. Il mio ragazzo a novembre mi ha mollata dopo 4 anni per un altra e a gennaio ho trovato un ragazzo fantastico che ha 6 anni in più di me. All'inizio è stato bello ma ora è sorto un problema che nessuno dei due sa trovare ne parliamo costantemente ma non riusciamo a trovare una soluzione. I sentimenti ci sono per entrambi, lui ha paura di farmi soffrire come ha fatto il mio primo ragazzo ma non è quello il problema. Lui dice che non è in grado di stare dietro ai miei passi nel senso che lui ci prova a tenere gli stessi orari miei sia i suoi ma si sta distruggendo dopo un po crolla, lui ha un lavoro normale in fabbrica che gli permette di lavorare dal lunedì al venerdì. Il weekend mi aspetta fino alle 3 di notte per venire a dormire con me ma arriva al lunedì che è distrutto. Il lavoro che sto facendo mi sta rovinando la vita sia con il mio ragazzo ( che credo che sia quello il problema) sia con le amicizie perchè anche loro hanno "un lavoro normale ". Se fossi sicura di trovare il lavoro immediatamente lo mollerei subito ma il mio problema è anche che, vivendo con solo mia mamma e avendo una paga misera, devo pagare l'affitto e molte altre bollette e non posso mollare un lavoro sicuro che mi permette di avere una paga ogni mese che un lavoro che duri magari per 3 mesi e poi non si sa. Credo pure che il mio problema sia pure quello di bere per essere più felice, da quando mi ha mollato il mio primo ragazzo sono diventata meno responsabile e ho iniziato a bere per essere più felice ma ora non ne sento il bisogno e anche x questo il mio ragazzo non riesce a starmi dietro nel senso che lui prova a fare come faccio io a divertirmi (il proplema è anche che non mi diverto realmente ma ci provo per stare bene) e tutto ma dopo un po crolla perchè le cose che faccio io lui le ha già fatte e credo che abbia bisogno di tranquillità. Anche il credo già di aver passato quel periodo e che ho bisogno di tranquillità e di stabilità. Lui mi ha conosciuta al lavoro gli sono piaciuta per come era prima di gennaio, poi ma ha conosciuta per come non ero ed ora ho paura di fargli vedere realmente come sono perchè ho paura di non piacergli più. Sto pensando di andare da uno psicologo, mi dico sempre che ci andrò domani ma poi rimando sempre. Scusatemi se ho scritto un poema ma dovevo scrivere tutti e miei problemi reali che ho e possono essere tanti vi chiedo di aiutarmi e di darmi un consiglio perchè cosi non sono felice. Vi ringrazio di cuore.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Francesco Battista Inserita il 21/06/2016 - 18:18

Ciao Claudia, il fatto di trovarti in mezzo a quello che vuoi e quello che devi, dando priorità a quello che devi fare, non può in nessun caso portare alla serenità. Addirittura scrivi che bevi per sentirti più felici anche se non senti il bisogno di bere, quindi anche il bere è diventato un dovere... Ho l'impressione che tu sia entrata in un loop che più passa il tempo più diventa difficile uscirne e nel quale resti sempre più incastrata. Devi dare spazio a quello che senti, quello che provi e quello che vuoi. Resto a tua disposizione per qualsiasi domanda o chiarimento