Xeina domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 12/05/2016

Ancona

Problemi di autostima e malessere, non capisco cosa ho?

Buonasera.. mi imbarazza un po' scrivere di quello che mi sta succedendo perché non so se è una mia fantasia o se sia un problema vero, per questo magari una vostra risposta potrebbe darmi una direzione più precisa della cosa.
Tre settimane fa all'incirca è iniziato un brutto periodo, ''buio''. In realtà è dall'inizio di gennaio che le cose non vanno bene, ma ultimamente sono peggiorate, il mio umore è sempre a terra, sono nervosa e dormo tantissimo, o a volte per niente. Ho un pensiero fisso ed è quello del mio aspetto, sta diventando devastante. Passo tutti i giorni in casa e mi è capitato di inventare scuse per non uscire nemmeno nel weekend, io vorrei uscire.. ma non ci riesco. Mi vergogno troppo. Ho paura di farmi vedere, mi vedo un mostro sfigurato. So che ci sono problemi più grandi, ma non riesco ad accettarmi, mi odio. Ho crisi di pianto improvvise e il mio unico pensiero ormai è l'odio per il mio corpo. Non so se sia importante dirlo, ma mi tagliavo, ho smesso perché non volevo che si accorgessero delle cicatrici. Ma è stata una cosa passeggera, non importante. Forse è più importante il fatto che ho qualche problema col cibo. Tendo ad abbuffarmi e a vomitare o ad abbuffarmi e a punirmi o a mangiare molto poco. Non ci sono giorni in cui mangio normale. Sono in un periodo con tanta confusione in testa e non capisco più niente, molte volte ho desiderato che finisse tutto.. di addormentarmi e non svegliarmi più. Vorrei solo capire come potrei stare meglio, vorrei essere serena e di buon umore.
Scusate se mi sono dilungata troppo. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Antonino Savasta Inserita il 12/05/2016 - 22:54

Gentile Karoline,
mi dispiace tu stia tanto male. Senz'altro il tuo vederti come un mostro sfigurato ed il tuo rapporto con il cibo sono indici di allarme di un malessere che stai vivendo. Hai fatto bene a scrivere perché aver cura e rispetto di sé stessi è davvero importante. Nel tuo messaggio non è menzionato nessun familiare, nessun parente, amica o persona vicina, come mai? C'è qualcuno con cui vorresti condividere questo tuo momento che si trova a te vicino? Quanti anni hai? Hai fatto bene a scrivere qui. Non far passare altro tempo prima di cercare attivamente di stare meglio.
Cordialmente, Dottor Antonino Savasta.