Luca domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 26/02/2016

Pistoia

Cosa fare nella vita

Salve a tutti e grazie in anticipo,
mi chiamo Luca ho 24 anni e sono responsabile nella logistica aziendale.
Ho un buon lavoro ben pagato, ho casa per conto mio da qualche anno e una macchina di proprietà.
Insomma, per l'età che ho non mi lamento della mia posizione in questa società ma non mi basta.
Ho la convinzione che quello che sto facendo non è la vita che voglio fare nei prossimi anni, non sono contento e soddisfatto nonostante tutto.
Ho provato a comprare manuali/libri sulle scelte dei corsi universitari, non tanto per iscrivermi (non mi piace lo studio), ma per avere un'idea di quale settore mi possa piacere, ma niente, non ho una passione o un settore di gradimento.
Ho 24 anni e non so cosa fare del mio futuro, tutto questo mi causa angoscia e depressione.
E' comune un problema come il mio oppure no?
Grazie mille.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Katjuscia Manganiello Inserita il 29/02/2016 - 14:18

Pesaro
|

Gentile Luca,
la ricerca di se stessi e di un posto nel mondo è per molti una ricerca continua. Lei ha raggiunto buoni risultati in giovane età e ora si sente disimpegnato, pronto per partire con una nuova sfida. Ma ancora non sa quale. E' chiaro che alla sua età le possibilità di crescita sono molteplici e le sue risorse personali fanno pensare che ci sia spazio per un'evoluzione positiva. Per farlo, però, occorrono idee più chiare.
Provi a fermare questa ricerca, per riprenderla solo quando si sentirà più sicuro di dove andare (la ricerca confusa porta ancora più confusione con sé).
In questa "fermata" rifletta sugli obiettivi raggiunti e si chieda quali sono i suoi desideri, non solo lavorativi (es. sport, vita affettiva, viaggi, posizione economica, passioni, etc). E da questi desideri trovi il suo prossimo obiettivo.

Un percorso psicoterapeutico potrebbe esserle d'aiuto a riconoscere i suoi desideri e a individuare nuovi progetti di vita. In bocca al lupo, dr Katjuscia Manganiello

Dott.ssa Elena De Franceschi Inserita il 28/02/2016 - 10:13

Buongiorno Luca,
quello che le sembra un problema in questo momento è a mio avviso una grande risorsa: il chiedersi che cosa fare della propria vita a 24 anni è un plus!
Innanzitutto complimenti per essere riuscito a crearsi un minimo di stabilità, comprensibile che per farlo abbia dovuto rinunciare ad altro.
Probabilmente ora intuisce che c'è di più da scoprire, che ci sono altre esperienze che vuole vivere e anche come è fondamentale avere una passione per il proprio lavoro poiché vi si passa molto tempo della propria vita.
Tutto questo è bello, è un bene che si ponga queste domande ed è un bene che se le ponga a questa età.
Mi occupo di aiutare le persone a trovare la propria strada professionale e comprendo quanto possa essere difficile mettere a fuoco le proprie inclinazioni e passioni senza strumenti.
Se i tentativi che ha fatto da solo non hanno ancora avuto un esito, potrebbe provare a farsi aiutare da un professionista. Uno psicologo non serve solo quando si sta male, ma anche quando si vuole stare meglio ;-)
Se desidera contattarmi sul mio sito trova tutti contatti www.psicoaosta.com.
Per avere un'idea del percorso che potremmo fare può leggere l'ebook "Crea il business del tuo cuore" che trova a questo link http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/manualistica/crea-il-business-del-tuo-cuore-ebook.html
Le porgo migliori auguri
Dr. Elena De Franceschi

Dott.ssa Camilla Marzocchi Inserita il 26/02/2016 - 11:37

Gentile Luca,
periodi di insoddisfazione e dubbi sulle proprie scelte sono normali, soprattutto quando alla sua età si sono raggiunti obiettivi così importanti e una buona stabilità e indipendenza.
Dai soli elementi che ci ha dato è difficile fare una valutazione, poiché sarebbe importante capire - ad esempio - da quanto dura questo periodo, quanto sono presenti questi pensieri nell'arco della giornata, come si manifestano per lei l'angoscia e la depressione che descrive e sarebbe utile approfondire eventuali eventi di vita recenti che possono aver contribuito a generare queste emozioni proprio in questo momento.

In genere qualche incontro di consulenza con uno psicoterapeuta, può aiutare a rimettere in fila gli elementi necessari a capire meglio quello che le sta succedendo e valutare, nel caso, se e come intervenire.

Spero di averla aiutata,
resto a disposizione per eventuali chiarimenti.

Buona giornata,
Camilla Marzocchi