Mely domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 28/12/2015

Bari

Insicurezza

Salve sono una ragazza di 20 anni. Sin dall'adolescenza ho subito molte critiche sulla mia persona,il mio aspetto fisico e sono stata vittima di bullismo. A distanza di anni penso ancora che ciò che mi dicevano,l'etichetta che avevo fossero vere. In quanto non ho molti amici, non sono apprezzata e amata. Ho fatto cose su me stessa di cui mi vergogno ma che al momento mi facevano stare bene. Ho pensato anche al suicidio e ultimamente ci sto ricadendo...so che sono giovane e tutto il resto ma sul serio non ce la faccio più. Cosa posso fare?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bua Inserita il 28/12/2015 - 15:52

Gentile Mely,
il modo in cui ci percepiamo e la nostra autostima si costruiscono all'interno delle relazioni interpersonali e influenzano a loro volta il modo in cui ci rapportiamo agli altri in una sorta di processo circolare. Ma ciò significa anche che si può lavorare sulla nostra autostima, sul nostro modo di percepirci e questo inevitabilmente porterà ad un cambiamento anche nelle relazioni interpersonali. Si rivolga senza timore ad uno psicologo e vedrà che potrà trovare un sostegno adeguato. Per qualsiasi informazione rimango a sua disposizione.

Cari saluti,
Dott.ssa Valentina Bua
Psicologa
Roma

Dott.ssa Maria Grazia Passerini Inserita il 10/02/2016 - 15:05

Ciao Mely,
mi rendo conto che la tua richiesta risale a dicembre 2015 e che, probabilmente, ti sarai già rivolta a qualcuno per ricevere aiuto, ma mi fa piacere provare a rispondere alla tua mail. Anch'io, quando ero adolescente, ho subito molte "critiche" a causa del mio aspetto fisico, non facevo parte del gruppo "in" perchè in sovrappeso e i ragazzi non mi guardavano (come io guardavo loro..) finchè ho deciso di rimboccarmi le maniche e fare qualcosa di concreto per sentirmi parte integrata e integrante dell'ambiente che mi circondava e, ad oggi, sento di avercela fatta. Scrivi di non avere molti amici, di non sentirti apprezzata e amata ma è importante che tu presti attenzione a ciò che fai per ottenere questo risultato. Immagino che non ce la fai più, è vero, è dura sentirsi emarginati, specie alla tua età ma piuttosto che usare le tue energie per immaginare la tua morte inizia a spenderle per immaginare cosa puoi fare di diverso perchè l'"altro" si interessi a te, cosa vuoi che l'altro noti? Cosa vuoi fare arrivare di te? Quali senti essere i tuoi punti di forza? Io resto a disposizione per altri spunti e info e nel frattempo
Buon lavoro Mely!