Rousseaugirl domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 28/06/2015

Torino

Ansia, paura della morte

Buona sera, sono una ragazza di 17 anni. È praticamente un anno che soffro di attacchi di panico/ansia e ciò accade quando ho dei forti stress o spaventi. Tutto è iniziato a ottobre 2014 quando ho iniziato ad avere forti emicranie . Avevo paura perché assumevo la.pillola anticoncezionale e fumo. Sapendo che non si dovrebbe ho pensato già al peggio (ictus, aneurismi...). Inizialmente mia madre non sapeva che fumavo ma poi gliel'ho detto perche avevo paura di avere qualcosa di grave. Ad aprile ho finalmente fatto una risonanza magnetica dalla quale si è riscontrato che non avevo nulla di grave. Dopo di che, per sicurezza mi sono fatta somministrare una pillola senza estrogeni in modo che non facesse danno col fumo. Purtroppo ammetto di essere ipocondriaca e penso sempre al peggio ad ogni sintomo che avverto. Però questa mia paura mi causa sempre ansia. Da poco ho subito una perdita, mio zio se n'è andato per un arresto circolatorio e ho paura che mi succeda lo stesso. Lo so che sono giovane però ho paura. Io vivo con l'ansia, senza contare che da un po' respiro male e ho spesso le palpitazioni. Il mio medico quanso spiego le cose mi liquida subito con la scusa che sono giovane ma io ho veramente ansia. A volte mi sveglio di notte e penso di stare per morire e ho il cuore che batte a mille. Non so come uscirne, penso in continuazione che potrei morire da un momento all'altro!

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 30/06/2015 - 08:49

Cara Utente,
mi spiace leggere che un medico "liquidi" una ragazza che lamenta ansia ed attacchi di panico senza accennare alla possibilità di un percorso psicologico/psicoterapico, mi spiace ancor più visto che ti sei anche sottoposta ad una risonanza magnetica cosa che avrebbe dovuto far pensare ad una tua percezione negativa più che reale.
Quello che mi sento di consigliarti è proprio di parlare con i tuoi genitori e di proporre loro di farti iniziare un percorso terapeutico; essendo tu minorenne avrai bisogno del consenso di entrambi.
Ti faccio un grandissimo in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa - Torino
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa