Francesca  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 05/08/2019

Come posso aiutare mio figlio?

Buona sera, é un po di tempo che mio figlio (6anni e mezzo) si arrabbia sovente (soprattutto con me). É sempre stato un bimbo vivace,allegro, buono, e obbidiente; ovvero se ad una cosa dicevo no, alle volte si opponeva, ma spiegandogli i motivi li accettava piu tranquillamente. Ora invece a momenti in cui é oppositivo e momenti in cui é triste (e riferisce che la sua vita é inutile, era meglio se non nasceva) e momenti di rabbia ( in cui étutto brutto,negativo e mi odia).io sto molto male nel sentore quelle frasi perche non so come affrontare la situazione edessergli di aiuto. Vi chiedo consigli. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 05/08/2019 - 14:33

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Francesca, comprendo il suo malessere e da ciò che narra, la prima cosa da fare è cercare di capire cosa sia accaduto "da un po' di tempo" a suo figlio.
Ossia, cercare di avvicinarsi a lui quando è più disponibile al dialogo e sereno, in modo da capire come si senta, cosa abbia attivato in lui quello che sembra essere un momento di difficoltà che manifesta attraverso la rabbia e l'autosvalutazione ("la vita è inutile ed era meglio se non nasceva").
Consideri, infatti, che le emozioni di tristezza possono essere vissute dai bambini in modo del tutto diverso da ciò che accade per gli adulti, perciò quando il bambino è triste può manifestare una reazione contraria come ad esempio la rabbia.
Inoltre, le frasi relative all'inutilita' della vita mi sembrano più da adulto che da bambino, nel senso che avendo 6 anni e mezzo non credo possa essere pienamente consapevole del significato di ciò che ha affermato. Da chi crede possa averle sentite e poi ripetute?
Cosa è successo a suo figlio secondo lei? È già andato a scuola e, se sì, come ha vissuto questa esperienza?
Ha altri fratelli/sorelle? Ha avuto modo di confrontarsi con il papà su quanto ha narrato?
Infine, come sta lei in generale e come mamma?
Ad ogni modo, se desidera approfondire la questione, può scrivermi o contattarmi.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).