Matteo  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 08/07/2018

Come affrontare l'ipocondria?

Buonasera sono un ragazzo di 28 anni che soffre di ipocondria da circa sette anni.
Non so bene da cosa dipenda, com’è iniziata, ma so che appena avverto un sintomo particolare inizio a preoccuparmi in maniera direi esagerata. È come se il mio corpo fosse diventato il terreno di gioco e al tempo stesso l'espressione del mio disagio esistenziale. Durante le giornate storte i sintomi sorgono in maniera particolare. Perché l'ipocondria è questo, la convinzione che qualsiasi disturbo avvertito possa essere sintomo di una malattia che potrebbe costarti la vita. Vorrei riuscire a superare le mie ansie e paranoie.
Come potrei affrontare la mia ipocondria?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 08/07/2018 - 23:44

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera,
Sulla diagnosi di ipocondria non mi pronuncio perché un adeguato processo diagnostico che consenta di accertare una patologia, richiede diverse fasi e un'approfondita analisi della persona.
Detto ciò, ogni disturbo, quindi anche l'ipocondria, si organizza in modo del tutto personale su ogni individuo, quindi non è possibile fare generalizzazioni tanto ampie che possano essere estese ad ogni soggetto.
Per superare le sue "ansie e paranoie" è quindi necessario esplorare la sua esperienza personale, il suo mondo interiore, le sue emozioni, lavoro che si può impostare con l'aiuto di uno psicoterapeuta a cui possa affidarsi per conoscersi meglio.
È disposto a fare ciò per stare meglio?
Cordialmente
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)