ludovica domande di Alimentazione  |  Inserita il 16/08/2017

Macerata

Succube di mia madre: vomito quello che mangio

Salve dottore,
Mi chiamo Ludovica e ho 28 anni. Un'età un pò tarda per iniziare a vomitare tutto quello che mangio, lo so. Non sono più una ragazzina, so benissimo il perchè di questa mia nuova abitudine, solo che non so come uscirne. Alla base c'è una famiglia che mi ha sempre detto che dovevo dimagrire (sia mia madre che mio padre), che non dovevo mangiare tanto, che mi ha sempre mandato da dietologi. Ultimamente per ansie per il nuovo lvoro avevo perso l'appetito e quindi sono dimagrita molto non volendo. Questo ha reso felici i miei genitori che mi dicevano brava siamo contenti che ti sei dimagrita! Da qui è iniziato il mio circolo vizioso: un nuovo fidanzato per il quale vuoi essere bella, una famiglia che non vuole che ingrassi, il vedermi allo specchio sempre grassa nonostante i chili in meno. Quindi ho iniziato a saltare pasti, ad andare in palestra e quando mangio, ora vomito quasi tutto quello che ingerisco (non sempre, ma con una media di una volta al giorno). Se mangio mia madre mi dice che non devo mangiare perchè altrimenti ingrasso, se mangio mi dice che devo mangiare perchè il digiuno fa male al mio metabolismo. In più per lei qualsiasi cosa io faccia è sbagliata, mi critica per qualsiasi cosa, mi rimprovera di essere superficiale, di non usare la testa, di pensare solo alle cose stupide, poi davanti agli altri e sui social (sì lei è più attiva su fb di me) mi loda perchè ha una figlia bravissima che ha un lavoro in un'azienda di successo e ha trovato anche il fidanzato. Io lo so che il mio vomitare è dato dal mio essere ancora succube di lei. Vorrei tanto sapere come fare per liberarmi da questa sorta di prigionia. Mi può aiutare per favore?
Grazie,
Ludovica

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Daniela Vinci Inserita il 19/08/2017 - 19:20

Gentile Ludovica,
sebbene solitamente i disturbi alimentari insorgano in adolescenza, questa non è una regola. Lei riesce a fare dei collegamenti e delle riflessioni molto importanti e sembra essere motivata ad interrompere i circoli viziosi in cui inserita. Le consiglio di rivolgersi ad un professionista che possa aiutarla a porre fine alla sintomatologia e a distaccarsi da sua madre e dal suo giudizio.
Resto a disposizione,
Dott.ssa Daniela Vinci
Arluno (MI)

Dott. Dario Coderoni Inserita il 19/08/2017 - 20:50

Cara Ludovica,

i messaggi ambivalenti che riferisci da parte della tua famiglia sembrano averti confuso e fatto soffrire molto. Mi piacerebbe chiederti cosa intendi quando sostieni di "essere succube" di tua madre e se il tuo vomitare sia un modo che usi per controllare il cibo ingerito oppure un gesto a cui non riesci più a rinunciare. La tua capacità di sintesi e narrazione degli eventi potrebbero essere molto utili all'interno di un percorso con un esperto, il quale saprà aiutarti in questo momento delicato. Ciò che oggi ti sembra essere una massa intricata impossibile da sbrogliare, potrebbe invece rivelarsi attuabile tirando i fili giusti.
Un saluto,

Dott. Dario Coderoni (Roma)