Natasha domande di Alimentazione  |  Inserita il 06/07/2015

Firenze

disordine alimentare

A causa di gravi problemi familiari che ho elencato in un altra domanda.. dall'età di nove anni ho iniziato ad acquistare peso... fino ad arrivare sopra i 110 kg.... ho cercato di fare parecchie diete ma nulla da fare poi l'anno scorso la situazione è peggiorata mi guardavo alla specchio e provavo schifo e riluttanza nei miei confronti e più mi faccio schifo più mi a buffo ma nel momento stesso in cui mi accorgo di cosa ho fatto corro in bagno e vomito(provocato) sono andata da diversi dietisti ma niente... poi quest'anno per depressione ho perso 15 kg in meno di un mese e ora sono rimasta ai 100 ma continuò con le mie abbuffate e a costringermi a vomitare... non ho nemmeno fame e non so nemmeno io perché mangio... nora ho 19 anni..sono anche andata da uno psicologo e in un tentato suicidio da un neuropsichiatra ma non riescoa parlare mi blocco... è molto più semplice scrivere... di solito infatti non parlo mai delle mie problematiche ma non ne potevo piú

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 10/07/2015 - 12:57

Viterbo
|

Cara Natasha,

le tue difficoltà sono abbastanza pervasive e probabilmente non legate unicamente al disordine alimentare.
Non credo sia utile continuare a scrivere qui, perché on-line non ti possiamo aiutare, soprattutto se non rispondi alle domande che ti vengono fatte.
Cosa ti aspetti da un consulto on-line?
Dovresti fare una valutazione approfondita, consultando di persona un psicologo specializzato in psicoterapia, altri modi non ce ne sono.
"..sono anche andata da uno psicologo e in un tentato suicidio da un neuropsichiatra ma non riesco a parlare mi blocco.."
ci vuole tempo (settimane, mesi a volte anni) e soprattutto motivazione per affrontare queste difficoltà e per iniziare poi a stare meglio.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 09/07/2015 - 19:25

Cara Natasha,
quello che racconti merita un'attenta comprensione e attenzione.
Parli di un forte problema alimentare, di problematiche familiari ( se non erro sei la ragazza che è stata adottata), di disturbi del comportamento alimentare e di un tentato suicidio.
Scrivere è terapeutico, ne sono fermamente convinta. Molto spesso utilizzo la scrittura con i miei pazienti, ma ciò accade in virtù di un lavoro strutturato in uno spazio protetto dove poter accogliere i sentimenti altrui.
Credo tu abbia bisogno di questo.
Ti invito a prendere in considerazione l'ipotesi di recarti nuovamente da uno psicologo/psicoterapeuta; non è sempre immediato riuscire a trovare il professionista che fa per noi ma ti assicuro che, a volte, anche il silenzio può essere compreso...
Un caro saluto ed un forte in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa - Torino
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa