Antonella domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 27/01/2018

Catania

Delusa e incredula

Sono una donna di 39 anni che ha da poco concluso una bellissima storia d'amore della durata di quasi un anno.Lui 41 anni.Abbiamo iniziato questa relazione nonostante vivessimo in città diverse,una al sud l'altra al nord,consapevoli delle difficoltà che comporta una relazione a distanza.Ma nessuno dei due ha voluto interrompere per via del forte coinvolgimento e amore che ci legava,e col passare dei mesi anche dei progetti che facevamo compreso il mio trasferimento.(Tra i due ero io a poter chiedere ed avere il trasferimento).Avrei affrontato tutto con serenità,perché finalmente avevo trovato il mio equilibrio,l amore della mia vita,dopo qualche storia passata comprese le delusioni,e soprattutto perché ero ricambiata allo stesso modo,anzi forse anche di più.Premetto che lui prima di conoscere me,aveva deciso di fare un percorso di analisi da uno specialista per via dei suoi dubbi sulle relazioni che instaurava con le donne,sempre di breve durata,era lui ad interrompere,senza riuscire ad andare avanti.Ha vissuto da giovane una situazione in casa con un padre poco presente,ma che lo ha aiutato nella crescita e negli studi affinché si laureasse.
Ha interrotto queste sedute dallo psicologo perché diceva che con me era diverso e finalmente aveva trovato la sua dimensione, pertanto era pronto per un futuro insieme.Qualche mese fa si è trovato in crisi per una scelta di lavoro,accettare o meno il trasferimento per la sua città natale,del sud,città tanto amata ma allo stesso tempo consapevole delle difficoltà lavorative a cui andava incontro,trattandosi del settore sanità.Ritorna in analisi per fare chiarezza sui suoi dubbi..accettare o non accettare.Qualunque scelta avesse fatto io gli sarei stata vicina.Prende la decisione di rimanere nella città in cui si trova da ormai 4 anni,e dove,da quasi 2 anni aveva acquistato casa e quindi un mutuo da pagare.Si ricomincia pertanto a pensare al futuro,e lui stesso mi chiede più volte di trasferirmi da lui.Quasi un mese fa,al telefono,mi dice che non si sente pronto per una convivenza,che al momento è così e che forse sono cambiati i suoi sentimenti per me.A me crolla il mondo addosso..mai nessun accenno a tutto ciò, mai un dubbio,e da un giorno all' altro mi comunica questo!! Subito ho pensato,e gli ho chiesto, se ci fosse qualche altra donna ma lui nega,e di questo ne sono certa.Ha poche amicizie e vita sociale pari a zero.Ci siamo rivisti per capire cosa stesse succedendo,se era possibile rimediare o era davvero finita.Ed ho visto un uomo sofferente,non l ho mai visto così,anche trascurato,cosa che da lui non ti aspetti per la sua precisione.Ha ripreso ad andare dallo specialista,è un percorso lungo da fare,il dottore dice che ha paura dei cambiamenti,di tutto ciò che deve arrivare.Io sono ancora incredula,come si può dire dalla sera alla mattina che i tuoi sentimenti sono cambiati?Io non credo a questo,piuttosto volevo capire se questo disagio che ha può arrivare a soffocare i suoi sentimenti al punto di fargli credere che non mi ami piu. Sarà che io ci credo ancora al nostro amore,sarò un'illusa,ma sto soffrendo tanto per questa situazione pertanto vi chiedo un vostro parere per aiutarmi a capire ed affrontare queste terribili giornate.Lottare per il nostro amore abbattendo le paure o mollare la presa?
Grazie.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Silvana Zito Inserita il 27/01/2018 - 19:46

Gentile Antonella,
prima di porre ipotesi anteponiamo il dato certo: Lui sta affrontando un disagio psicologico da diverso tempo, e in particolar modo, in questo periodo.
Non abbiamo una sufficiente sintomatologia per ipotizzare un disturbo e la paura dei cambiamenti non è una diagnosi.
In quanto ai sentimenti di Lui, solo lei Antonella può avere chiarezza se sono veri e sinceri.

Potrebbe essere che siano bloccati dagli effetti del disturbo ed è anche vero che la Terapia Analitica prevede un percorso lungo.
Se sente di potergli stare vicino in questo momento particolarmente difficile potrebbe essergli di aiuto, magari vi potete dare un tempo e decidere in seguito se: restare amici, riallacciare la relazione o chiudere definitivamente.
Resto disponibile per ulteriori chiarimenti se volesse scrivermi privatamente.
Saluti
Dott. ssa Silvana Zito