Silvia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 01/12/2017

Torino

Litigi e rabbia

Buon giorno, Ho 30 anni sono sposata da 2 anni e ho una bambina da 1 che sto ancora allattando
Ho sempre avuto problemi di rabbia ( urla soprattutto, lancio e rompo oggetti) ogni cosa non riesco a farmela scivolare anche se ho ragione non giustifica il mio sbraitare. A volte vorrei che le persone che ho intorno mi aiutassero ma penso che il problema devo risolverlo da sola. Purtroppo sn le stesse cose che faceva mio papá con mia mamma al fianco che gli dava ragione cosa che avviene tutt oggi. Quando ero piccola mi sembrava tutto normale. Crescendo ho capito che non è così perche guardandomi attorno queste cose succedevano solo in casa nostra. Sin da qnd ero piccola per loro tutto quello che facevo e dicevo era sbagliato e mi sono sentita spesso io sbagliata.
A differenza sua io con mia figlia riesco a trattenermi ma con gli altri no compreso mio marito.
Anche se lui non mi aiuta molto in casa e con la bambina perchè è fuori casa tutto il giorno durante la settimana, vorrei che il fine settimana mi aiutasse perche vorrei poter giocare tutto il giorno con la mia bambina invece di mettere apposto le cose di mio marito soprettutto cucinare e pulire (noi abbiamo anche un cane mal educato) come devo per forza fare ( mio volere non di mio marito )
Non riesco piu a capire se sono io che sono troppo esigente nei confronti di tutti o se sn le persone che ho attorno che dovrebbero smetterla di fare e dire sempre le stesse cose per farmi alterare visto che litigo con le stesse persone e per le stesse cose.
Non voglio che la mia bambina mi veda così per evitare anche che da grande possa farlo lei.
Sono confusa ma voglio risolvere il mio problema per far vivere a mia figlia in una situazione di tranquillitá.
Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Alessia Bongianino Inserita il 01/12/2017 - 21:28

Milano - Porta Venezia, Buenos Aires
|

Buonasera Silvia,
Sembra che lei tenda a riproporre un comportamento che in casa sua è sempre stato vissuto come normale e non problematico. Ora che si trova lei in questa situazione vive probabilmente una situazione di confusione dato il suo modello familiare, ma anche la volontà di non rimetterlo in pratica. Sarebbe necessario capire quanto suo marito potrebbe venirle incontro rispetto alla dinamica casalinga per limitare gli episodi di rabbia e quanto comunque lei, forse trattenendosi con la figlia, sfoghi su di lui la sua collera. La invito, nonostante, date le sue parole, capisco che per lei non sia facile, farsi aiutare iniziando un percorso psicologico sia per gestire, ma anche capire, la sua rabbia che vive come invalidante rispetto alla sua vita. Capirne le ragioni sarebbe molto importante anche per far sì che sua figlia non la veda così in modo tale da evitare che possa un giorno a sua volta portare avanti questo modello famigliare.
Rimango a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.
Dott.ssa Alessia Bongianino