ele2102 domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 20/10/2014

Reggio Emilia

Rabbia verso l'ex

Cari dottori,
vorrei porvi una domanda, per cercare forse di risolvere o quantomeno attenuare un problema che mi perseguita.
Sono single da più di 3 anni, dopo essere stata lasciata di punto in bianco dal ragazzo di cui ero innamorata alla follia.
Quando ci siamo messi insieme io avevo 17 anni, e la storia è durata 3 anni.
Era la mia prima storia d'amore, nella quale ho messo tutta me stessa.
In seguito a questa rottura sono stata malissimo, come mai avrei creduto di stare in vita mia, ed un anno fa, dopo essermi rivolta ad uno psichiatra poichè non potevo più stare in quella situazione, mi è stato detto di soffrire di depressione.
Io ora non provo più nulla per questo ragazzo, o meglio vorrei non provare più assolutamente nulla, perchè in realtà provo una grandissima rabbia verso di lui, che ogni tanto torna a farsi sentire, nonostante io non lo senta nè lo veda mai.
La mia domanda quindi è questa: come posso fare per non provare più questa rabbia, liberandomi così definitivamente di lui e di tutto ciò che mi ricorda la sofferenza che ho passato (e che non è comunque svanita del tutto).
Capisco che non possa risolvere i miei problemi tramite un pc, sono andata un paio di volte da una psicologa ma poi sono partita per l'Erasmus, dove sono tutt'ora, quindi mi è stato impossibile proseguire con le sedute.
Cordiali saluti, e grazie in anticipo a chiunque mi risponda.
E.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 23/11/2014 - 19:04

Cara utente,
accanto ad una diagnosi psichiatrica, a mio modesto parere, dovrebbe esserci sempre un parere psicologico/psicoterapico con conseguente percorso personale.
Lei ha bisogno di dare una spiegazione alla sua rabbia, di metabolizzarla e di superarla.
Questo può farlo richiedendo un aiuto di uno specialista.
Potrebbe riprendere i contatti con la psicologa alla quale si era rivolta: la maggior parte di noi utilizza anche skype, oppure rivolgersi ad un altro specialista utilizzando sempre questo servizio.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com