slave domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 24/03/2014

Catania

Un masochista è un malato?

Sono un masochista.
Ma occorre che io spieghi il senso di questa affermazione.
La mia "natura masochista" consiste nel fatto che sono incapace di stabilire una relazione con una Donna se non mettendomi su un piano di sudditanza nei Suoi confronti....

Mi rapporto ad una Donna solo offrendomi a lei come Suo schiavo... in ogni aspetto dell'esistenza, non solo in quello erotico

Se qualcuno ha mai letto il romanzo "Venere in pelliccia" oppure "Histoire d'O" capisce cosa voglio dire

Sin dalla gioventù sono sempre stato alla ricerca di una Donna Dominatrice, una Padrona con natura complementare alla mia che mi accettasse come Suo schiavo e mi dominasse completamente per il resto della mia vita...
alcune volte sono stato illuso che ciò potesse accadere... ma così non è stato....
Non ho mai trovato qualcuna che capisse davvero la mia natura ma solo persone che mi hanno usato e ferito....

Così, ormai da anni non cerco più nessuno....

ma sono infelice....
Devo considerarmi un "malato" ?

  5 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Giorsa Inserita il 07/04/2014 - 17:13

Caro Slave,
perché parlare di malato? Io penso che sia importante parlare di una persona, lei, che ha un vissuto di difficoltà e che in questa difficoltà ha perso la speranza. Trovi un terapeuta con cui proseguire da qui.
Un abbraccio

Dott.ssa Emanuela Lamari Inserita il 05/04/2014 - 20:44

Caro slave!
Dire malato é un po esagerato, ma penso la sua tendenza si legherebbe al tema dell autostima e concetto di sé. E come se lei si sentisse impotente per ció che riguarda l' autodeterminazione, soprattutto nella scelta del partner.
Sarebbe utile che lei consultasse uno psicologo prima di intraprendere un percorso di conoscenza di se stesso, approfondendo punti di forza e limiti e concentrandosi su ció che le é mancato e su cosa vorrebbe veramente inuna relazione.

Dott. Liborio Billè Inserita il 05/04/2014 - 12:48

purtroppo non ho letto i romanzi che lei cita e con le dovute precauzioni, dati le poche informazioni qui scritte, le scrivo onestamente ciò che penso. più che masochismo che per inciso bisognerebbe approfondire per capire sul serio il senso che per lei ha, lei racconta sopratutto di una sua modalità di entrare in relazione con le donne piuttosto "rigida" e dalla quale ne trae abitudinariamente sofferenza e frustrazione. penso che le sarebbe più utile aumentare i suoi "gradi di libertà" e magari potersi scegliere una donna forte ma comprensiva.

Dott.ssa PAOLA GRASSO Inserita il 04/04/2014 - 15:53

Buongiorno.
La prima cosa che colpisce della sua lettera è il nickname che ha scelto, “slave”, cioè schiavo, un termine che riassume bene il suo problema.
Lei scrive infatti di essere alla ricerca di una donna che possa dominarla non solo sessualmente, ma totalmente come persona, e che tale ricerca non ha dato, ovviamente, alcun risultato. Sono rarissime infatti le donne che possono incarnare il suo modello, ma sono però assai meno rare le donne che possono apprezzare il tipo di erotismo che lei desidera. Molte coppie “normali” vivono una sessualità di quel tipo con reciproca soddisfazione. Il problema non è stabilire se il masochismo è una malattia, ma prendere atto che se interferisce così pesantemente sulla vita di relazione, può diventare un serio problema. Penso che sia giunto per lei il momento di prendere una decisione, cioè decidere se “accontentarsi” o meno di una donna che appaghi solo i suoi bisogni erotici, rinunciando al suo modello di relazione totalizzante.
In ogni caso sarebbe importante che si facesse seguire da uno psicoterapeuta, sia per comprendere il senso e l’origine del suo problema, sia per ridimensionare le sue aspettative e costruire un modello di relazione che integri i suoi desideri con la necessità di stabilire delle valide relazioni.

Dott. paolo zucconi Inserita il 04/04/2014 - 13:29

Egregio signore,
il confine tra "sano" e "malato" non è facile tracciarlo nettamente soprattutto a distanza e particolarmente senza valutare la sua particolare situazione per cui si definisce "masochista". Diagnosi ed eventuale terapia sono di competenza di professionisti certificati che si incontrano personalmente nei loro studi
dr paolo zucconi, sessuologo clinioc e psicoterapeuta comportamentale in friuli venezia giulia