Maysa  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 13/01/2022

Cremona

Relazione non del tutto conclusa

buonasera,
Vorrei avere un parere riguardate la mia problematica… La mia “prima” relazione seria in tutti i sensi. Relazione iniziata un po male, perché inizialmente c’era amore solamente da parte mia, vedevo che aveva atteggiamenti di chi nascondeva qualcosa. 3 mesi dopo mi lascia con un messaggio, la sera stessa flirta con una mia amica. Cercai comunque di riconquistarlo nonostante volesse solo la mia amicizia. Proprio quando iniziai a stare bene da sola( comunque non riuscivo ad uscire con altri senza chiarire il fatto che in testa avevo lui), al giorno del mio compleanno (circa 4 mesi dopo) ritorna chiedendo una seconda opportunità. Ovviamente concessa. Siamo stati bene per qualche mese, fino a quando, una sera mi sveglio e leggo casualmente dal suo telefono (il quale mi proibiva di toccare) “mi piace la mia attuale ragazza ma amo ancora l’ex …” non descrivo quanto successo… mi sentivo presa in giro e volevo lasciarlo.. Mi chiese scusa ed io lo perdonai. Passammo un anno e mezzo e andavo tutto benine, non mi nascondeva più il telefono e non mi diceva più bugie su dove andava. Fino a quando iniziai a non sentirmi più bene in quella relazione. Eravamo solo io e lui quasi 24h , non uscivo più con le mie amiche da sola e mi sentivo che le stavo perdendo. Perciò decisi di dare spazio anche alle mie amiche, ma lui era diventato ossessivo (mi lanciava frecciatine, che andavo con altri ragazzi conoscenti) mi sentivo oppressa. Pertanto decisi di chiudere la relazione senza se e senza ma.
Dopo diverso alti e bassi, siamo andati ognuno per la sua strada, lui ci ha sofferto molto dalla rottura ma in quel periodo volevo solo pensare a me, a stare bene, fare le mie esperienze e vivere la mia vita (ovviamente avevo sempre lui per la testa, ma venivo prima io). Oramai sono trascorsi 3 anni e mezzo, lui è fidanzato da un anno e mezzo ed io da 2. Amo il mio attuale compagno, nella coppia parliamo c’è sintonia, complicità, libertà con molto rispetto e sincerità reciproca, ed è la persona che voglio a fianco. Ciò nonostante spesso mi ritorna il pallino dell’ex in testa. Non penso a tornare con lui o come sarebbe stata la mia vita senza lui ma qualche volta lo sogno piangere oppure che mi abbraccia mi sveglio con l’angoscia, un rimosso e una voglia di sapere come sta e di abbracciarlo. Non mi sento bene con questi pensieri, vorrei parlarne con il mio compagno e eventualmente parlare con l’ex per poter chiarire e chiudere definitivamente la “relazione”, dire come mi sentivo allora, come mi sento ora o chiedere scusa per tutto quello che gli ho fatto passare. Non vorrei ferire il mio compagno con questo pensiero o comportamento. Ho letto e riletto diversi articoli e letto consigli verso altre persone con problematiche simili alla mia ma ancora sono qui senza sapere come procedere. Questo mi tormenta, ci sono momenti in cui non ci penso per niente, altri invece dove mi sento impazzire. Non so se agire di impulso o essere razionali, ma essere razionale qualche volta funziona e oltre per niente. Cosa dovrei fare?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Fabiana Marra Inserita il 14/01/2022 - 16:51

Lecce
|

Salve, all'Inter di una relazione la chiave per vivere bene è proprio l'essere autentici. Io le proporrei, quando si sente, di esternare le sue emozioni con il suo compagno come momento anche di condivisione.
Le auguro il meglio
Dott.ssa Fabiana Marra