Renee domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 09/05/2015

Lecce

Rabbia

Salve. Convivo da 2 anni con il mio compagno. Ci conosciamo da 10. Relazione a distanza e difficile.Cominciai ad allontanarmi ma fu arrestato. Nel frattempo sua separazione dalla moglie e io che divento fondamentale per la sua famiglia.Mesi prima mi aveva tradita Durante la galera, io prendo una decisione professionale, lui non l accetta ed io lo lascio.frequento altre persone. Non provo nulla perché amo lui. Ma non smetto di cercare nuove emozioni che non trovo. Dopo 4anni mi rassegno e accetto questo lutto dentro di me.mi rilasso e lui mi telefona. Parliamo per 6h.Dopo 5 mesi mi trasferisco da lui. Tanto amore ma lui non riesce a fare a meno di avere dettagli sulle mie esperienze negli anni in cui non ci siamo visti. Questo suo malessere comincia a farmi stare male. Ma resto li a dare sempre tutte le risposte. Ci eravamo promessi di ripartire da 0 ma lui era dietro,ad un passato in cui nemmeno c'era anche se era dentro di me. Resto incinta. Divento insofferente di questa sua gelosia retrograda e attorno al 7'mese lui la smette. Poco dopo però comincio io è oggi (mio figlio ha 1anno e 1/2)gli rinfaccio tutto quello che è stato quando mi sono trasferita,quando invece di accogliermi e farmi stare bene, mi ha sfiancata con le sue fisse. Odio me stessa per non averlo lasciato. Non doveva farmi star male e gliel'ho fatto fare.arrabbiata e delusa.lui dice che sente che quando sarò economicamente indipendente lo lascerò. Sono chiusa.Adoro il sesso con lui ma non mi lubrifico più. Non lo cerco. Voglio solo sputargli addosso la mia rabbia. Mi aveva persa lui e non doveva permettersi di fare la vittima. Non possiamo permetterci ora una terapia di coppia ma vorrei sapere se posso farla da sola.nn voglio mandare tutto all aria ma è quello che sto facendo.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 11/05/2015 - 23:43

Viterbo
|

Gentile Utente,

purtroppo la gelosia retroattiva alimenta insicurezze e rancore e non porta da nessuna parte. Le suggerisco di prendere contatti con un Consultorio Famigliare per una consulenza e una terapia di coppia, sarebbe auspicabile un intervento di questo tipo, potrebbe essere molto utile per seppellire l'ascia di guerra e cercare di andare oltre.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
www.psicologoaviterbo.it

Dott.ssa Margherita Scorpiniti Inserita il 16/05/2015 - 15:11

Io penso che lei potrebbe benissimo fare una terapia individuale per trovare la forza di spezzare il legame con quest'uomo.