Stefania  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 25/10/2018

Milano

Amore, innamoramento reale o paura di essere sola?

Sono stata fidanzata con una persona che non amavo per circa due anni e convivevo con questo partner per allontanarmi da mia madre (con cui ho un pessimo rapporto). Ero molto affezionata, ma più andava avanti la nostra relazione è più soffrivo, anche perché mi ha tradita e non mi rispettava. Stare con lui mi ha aiutata ad avere un rapporto migliore con mia madre, inoltre è stato un traguardo per me riuscire a stare con lui perché gli uomini mi facevano paura. Inizialmente era gentile, mi corteggiava ecc... nel mese di marzo ho deciso di lasciarlo perché ho avuto una sorta di attaccamento nei confronti si un uomo che ha 30 anni più di me! Nel frattempo un altro uomo mi è stato vicino, mi ha perfino accompagnata in ospedale quando stavo male, nonostante sapesse di questo attaccamento, mi ha dimostrato il suo affetto pubblicamente, nonostante anche lui fosse un mio professore... io ho 25 anni e lui 33... frequento una scuola serale e l’ultimo giorno di scuola (nel mese di giugno) mi ha chiesto di parlare di noi ma io non ho avuto il coraggio di accettare, entrambi volevamo avere un rapporto sessuale ed io non volevo averlo senza sentirmi realmente sicura dei miei sentimenti ed invece di parlare con lui sono andata in giro con delle amiche... lui ci ha seguite fino a quando non mi ha vista salire sul tram con una mia amica che mi stava accompagnando a casa perché avevo bevuto un po’.
Nel mese di settembre ho visto che non gli hanno rinnovato il contratto e non ho sofferto come pensavo nel non rivederlo... una sera sono arrivata tardi, esattamente dopo l’intervallo e ho visto che lui era lì ad aspettare qualcuno... quando l’ho visto pensavo fosse un’allucinazione! Un’addetta alle pulizie mi ha presa in giro dicendomi che non c’era nessuno, invece lui si era spostato velocemente al mio fianco mentre guardavo ancora quasi nel vuoto incredula. Quando mi sono voltata gli ho chiesto come stava, ci siamo abbracciati ed io avevo tantissima voglia di piangere perché mi era mancato tantissimo. Lui mi ha tranquillizzata e ci siamo abbracciati per più di cinque volte, questo lo so perché me lo ha detto lui... nonostante abbia provato a staccarmi da lui non riuscivo a smettere di abbracciarlo, lui non sembrava infastidito da questa cosa... mi ha chiesto se avevo un ragazzo ed ha insistito dicendo “ne sono sicuro, anzi so che avrai presto un fidanzato vedrai”
Non l’ho capito... non sono stata con nessuno da quando ho lasciato il mio ormai ex nel mese di marzo.
Mi ha detto di andare a fare lezione e che sarebbe ritornato a salutare.. l’ho salutato e quando sono andata via mi sono sentita piena di gioia per averlo rivisto ma allo stesso tempo ho paura di averlo perso e di non interessargli più. Mi chiedo se sono veramente innamorata o forse mi sento sola e mi manca il suo affetto insieme alle sue attenzioni? Mi chiedo se lui abbia rinunciato perché gli ho sempre detto che provavo qualcosa per quell’uomo che ha 30 anni in più di me... lei cosa mi consiglia? Non gli scrivo per vergogna, almeno non gli parlo dei miei sentimenti perché vorrei esprimerli di persona.
Ho rivisto quell’uomo per cui ho provato un attaccamento e non provo assolutamente nulla.
Mi chiedo come mai fossi così confusa nonostante avessi vicino un uomo così amorevole e perché solo ora mi rendo conto di provare qualcosa per lui? Da quello che le ho raccontato lei pensa che quest’uomo ci tenga ancora a me?
Dal suo profilo di facebook sembra che forse abbia un’altra relazione e non facccio altro che piangere pensando di averlo perso... ma non inserisce foto con donne e se le pubblica si nota che sono solo amicizie. Pubblica post con cose che parlano dell’amore, del fare l’amore e dell’innamoramento.
Una mia amica mi ha detto che non sembra essere fidanzato. Nonostante gli abbia scritto ringraziandolo per avermi consolata per l’ultima volta lui non mi ha nemmeno risposto. Cosa ne pensa?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Beatrice Allegri Inserita il 26/10/2018 - 18:52

Grazie per avermi scritto, sono domande complesse quelle che mi stai ponendo, sicuramente quest'uomo di cui mi hai parlato deve essere stato molto importante per te. Forse si è comportato in modo diverso rispetto agli altri? O forse tu ti sei sentita diversa con lui? Mi sembra di capire che, magari da lontano, si sia preso cura di te. Approfitta di questa occasione per riflettere su di te e su che tipo di persona tu abbia davvero bisogno al tuo fianco.