Simona domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 02/09/2016

Catania

Dubbi sul futuro

Buon pomeriggio, sono una ragazza di 30anni che intrattiene una relazione seria da un anno e mezzo. L'obiettivo mio e del mio ragazzo è di riuscire a sposarci entro 2anni,obiettivo che giorno dopo giorno mi appare sempre più irrealistico a causa dell'incertezza del suo posto di lavoro e delle continue richieste di denaro da parte dei suoi genitori.
Il nostro rapporto procede meravigliosamente, andiamo d'accordo, stiamo sempre insieme, ci amiamo e rispettiamo ma quello che mi attanaglia è l'incertezza del futuro. Mi ripeto spesso che tutto è imprevedibile e non si può avere certezza del futuro nonostante tutti i programmi o le idee prefissate. Ma m accorgo che sono sempre più nervosa,instabile e muto spesso umore:in un momento sono tranquilla, un altro ancora sono nervosa ed irritabile. Inoltre mi sono accorta di provare molta rabbia nei confronti della famiglia del mio ragazzo, rabbia che scaturisce dalla mia mancanza di stima nei loro confronti, poiché è molto distante dal modello di famiglia che possiedo e in cui sono cresciuta, una rabbia derivante anche dal loro continuo tentativo di aggrapparsi economicamente al mio ragazzo, il quale di per sé vive una propria condizione economica al limite. .e alla luce di ciò giudico i suoi genitori come dei meri ostacoli alla realizzazione dei nostri desideri (appunto come anticipato il matrimonio ).
Durante il giorno mi capita spesso di pensare se in realtà io non stia sbagliando a continuare una relazione che mi provoca innumerevoli dubbi per il futuro , e la mia paura è di sprecare tempo prezioso che non potrà più tornare indietro e di investire forze ed energie per qualcosa che è destinato a perire,d'altra parte,come già scritto, io amo immensamente il mio ragazzo e con lui vorrei tracorrere l'intera vita,insomma sono in balia di pensieri contrastanti Che a lungo andare mi stanno portando allo sfinimento e temo che fissandomi così fortemente io possa ammalarmi. Vorrei quella serenità che cerco ma che non ho.
Grazie per l'attenzione.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 02/09/2016 - 11:07

Gentile Simona,
bisognerebbe conoscere un po' più nel dettaglio la situazione vostra e dei genitori del suo ragazzo, per capire se ci siano alternative, soluzioni ecc..
Lo psicologo può aiutarvi a migliorare la comunicazione, sia tra voi che con i genitori.
In genere è inevitabile che cambiando la comunicazione, cambino anche i rapporti interpersonali e conseguentemente molti problemi si risolvano.
Le consiglio perciò di provare a consultare uno psicologo psicoterapeuta. Le tecniche della terapia della Gestalt mi risultano molto efficaci.
Saluti