ewa domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 06/06/2014

Roma

diminuire dose pasticche antidepressivi

Buon giorno vorei ricievere un aiuto .vivo da 4anni in marocco e purtropo la situazione mia portata ala depresione e da 2 anni prendo lamictal e venlafaxina .vorei demenuire dose ma come?no voglio piu andare da psichiatra qua no mi fido e no mi piaciono psichologi qua e manko no capisie me.io sono polacca ma parlo italiano .perfavore aiutate mi come si fa demenuire dose,prendo veloxar 75 e lamictal 25 la matina e sera.sono ormai stanka prendere pastike e sto solo ingrasando.faro di tutto per tornare in europa ma ora devo demenuire grazie da cuore

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 07/06/2014 - 10:25

Milano
|

Gentile sig.ra Ewa, per la diminuzione del farmaco, può solo rivolgersi al suo psichiatra che conosce la situazione e può ascoltarla e decidere se è il momento di controllare la posologia. Ora però lei pone un quesito importante. La prescrizione farmacologica è stata l’unico intervento, l’unica risposta che avete dato al suo disagio? Da ciò che scrive, pare che lei abbia provato a cercare aiuto presso uno psicologo, ma questa ricerca non ha avuto un buon esito. Lei ha deciso di lasciare il Marocco, ma se è così, difficilmente troverà in quella terra qualcuno di cui possa fidarsi. Ora, se prova a diminuire il farmaco, cosa lo afficherà? Che altro tipo di risposta potrà dare al suo malessere, oltre che la prescrizione farmacologica? Il non trovare uno psicologo che faccia al suo caso, potrebbe essere un modo per dire a se stessa che deve andar via.

Dott.ssa Paola Maniga Inserita il 10/06/2014 - 12:36

Buon giorno Ewa,
è molto importante che ti rivolgi ad uno psichiatra o ad un neuropsichiatra che sono in grado di dirti come comportarti con il dosaggio dei farmaci e, se lo ritengono opportuno, abbassarne la dose.
Coraggio,
Dott.ssa Paola Maniga

Dott.ssa Camilla Marzocchi Inserita il 09/06/2014 - 18:42

Gentile Ewa,
l'unico modo per interrompere il farmaco in modo sicuro è quello di rivolgersi ad un medico psichiatra, che valuti sia la situazione in cui si trova ora, che il modo migliore per ridurre ed eventualmente interrompere la terapia in corso. Soprattutto gli stabilizzatori dell'umore,se interrotti bruscamente, possono provocare ricadute importanti e in breve tempo.

Saluti,

Camilla Marzocchi