cocca208 domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 27/05/2016

Caserta

Voglio andare via di casa

Ho 24 anni e sn una studentessa di ingegneria ! Ho sempre amato tt ciò ke riguarda l ingegneria ma ultimamente x via dei miei genitori trascuro anke l università ! Il vero problema è mia madre troppo apprensiva nn ha mai voluto ke andassi fuori x studio o x lavoro ! mi ha sempre criticata ... sono un pò cicciottella mi dice ogni giorno ke devo fare la dieta mi mortifica sempre ! Sta sempre in mezzo il mio ragazzo lavorava in svizzera nn mi ha mai fatta andare ! Io voglio migliorarmi voglio studiare voglio lavoare fuori voglio farmi una vita mia senza ke mia madre prenda le decisoni al posto mio ! Io nn la sopporto voglio evadere xk mi inizia a stare tt stretto e la cs ke mi preme d più e ke a casa e in biblioteca nn riesco più a studiare xk mi distrae il pensiero di cm fare x andare via ! Io lavoro e sn economicamente stabile quindi posso permettermi d abitare da sola o d convivere cn il mio fida ! Io nn voglio nulla dai miei solo stabilità psicologica ! Help nn so ke fare

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anastasia Zottino Inserita il 28/05/2016 - 17:40

Gentile COCCA208,
mi sembra di capire che il problema non sia tanto logistico quanto piuttosto emotivo. Se ho capito bene, lei dice di essere economicamente indipendente, quindi da un punto di vista strettamente pratico non ci sarebbero difficoltà nel mantenersi fuori casa, da sola, oppure iniziando una convivenza. Allora cosa le impedisce davvero di andarsene?! Il punto è che le modalità che i genitori hanno con i figli spesso sono abitudini costruite in molto tempo e, una volta adulti, tocca anche a noi cercare di mettere dei paletti e ridefinire il rapporto che diventa adulto-adulto. Inoltre, è possibile esternare i fastidi che proviamo quando gli altri ci rimandano delle cose in una modalità per noi non adatta. Questo non ci garantisce che l’altro capisca o si rimoduli, ma è utile fare un tentativo. Gli altri possono anche essere capaci di ricalibrarsi e, se così non fosse, noi possiamo trovare il modo per affrancarci dalla loro approvazione o stabilità, rendendoci autonomi da un punto di vista psichico. I genitori, come tutti, hanno i loro limiti come persone, oltre che i loro punti di forza. Crescendo si può anche accettare che non siano perfetti e che possano essere manchevoli in alcune nostre esigenze, essendo ormai autonomi da un punto di vista emotivo.
Le invio un caro saluto
Dott.ssa Anastasia Zottino
Psicologa
Aprilia (LT)