Alessandra domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 05/01/2016

Biella

Genitori in fase di separazione

Faccio parte di una "famiglia" composta da mio padre, mia madre, mia sorella di 15 anni e io di 18.
Non siamo mai stati una famiglia felice, abbiamo sempre avuto discussioni e liti feroci, abbiamo caratteri diversissimi uno dall'altro. I miei genitori sono già un po' anziani e mio padre, dopo aver avuto gravi problemi di salute, ha anche una certa instabilità mentale.
I miei genitori si vogliono separare. La situazione in casa è sempre stata insostenibile, ora che mia madre da più di un anno ha scoperto il tradimento di mio padre più che mai. È da più di un anno che sappiamo in famiglia questa cosa, prima i genitori l'hanno sempre tenuta nascosta a me e a mia sorella. Sono anni che viviamo nella falsità, in casa ci sono liti a non finire, quando invece dobbiamo uscire con parenti o amici, mettiamo maschere addosso e fingiamo di essere la famiglia perfetta. E tutti credono che lo siamo.
Mia madre aveva provato, e ci era anche riuscita, a perdonare mio padre, ma dopo che ha scoperto che lui porta avanti ancora oggi un'amicizia con quest'altra donna non riesce più a perdonarlo. Oggi è arrivata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, accennano alla separazione, cosa che non avevano mai fatto prima, e credo di non essere capace a reggere una situazione del genere. Sono sempre stata abituata ad un certo tenore di vita, con certe abitudini, usanze famigliari e tutto ciò che è correlato a una vita famigliare. Ho provato a proporre loro ad andare da una psicologa che sistemi problemi famigliari, ma non capisco se loro sono disposti a convivere nella normalità. Non credo di essere pronta a un cambiamento così drastico nella mia vita. Mi spaventa molto il giudizio degli altri, soprattutto quello delle tante persone che conosciamo. Ho paura di ricadere in baratri profondi da cui ero riuscita ad uscire in passato, o magari di non essere mai più la stessa di prima. Ormai da un po' non lo sono. Ho tanto bisogno di consigli su come un'adolescente può affrontare la separazione dei genitori nel modo meno sofferente possibile, sono una persona troppo sensibile. Ho incertezze su di me, sul mio futuro, il mio presente.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Sara Coppola Inserita il 06/01/2016 - 10:32

Gentile Alessandra,
leggendo le sue parole mi ha colpito come questa situazione probabilmente nel corso degli anni sia entratata nella sua quotidianità, alla quale si è dovuta lentamente abituare nonostante sia stata una scelta dolorosa. Ora sembra che la decisione di separazione dei suoi genitori abbia causato una frattura nell'equilibrio che Lei si era creata per poter sopravvivere alle discussioni, alle liti, al vivere con una "maschera". E da persona sensibile giustamente si chiede come potrà affrontare anche questa nuova sfida che rimescola tutte le carte in gioco.
Già il fatto di porsi tutte queste domande è una cosa positiva. Le separazioni dei genitori possono essere superate, dipende ovviamente da come vengono gestite e affrontate. Potrebbe essere utile trovare in altre persone un supporto che permette di sfogarsi nei momenti più difficili, condividere ed esplicitare insieme a sua sorella quello che sta succedendo permettendovi di aiutarvi e proteggervi a vicenda. In queste situazioni figure come zii e nonni possono essere una soluzione temporanea ottima, ovviamente se i rapporti sono buoni. In mancanza di tutto ciò, e se il vissuto interiore dovesse peggiorare può sempre richiedere l'aiuto di uno psicologo, magari rivolgendosi al consultorio cove può accedere senza costi eccessivi.
In bocca al lupo.
Dott.ssa Sara Coppola