Leli domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 25/08/2017

Mantova

Un consiglio per stare meglio?

Non mi sento bene con me stessa. Mi sento bloccata. Avevo passioni e le ho perse completamente. Amavo scrivere e leggere, disegnare e dipingere, ed ero piuttosto brava a detta di molti. Ora non riesco più in nulla, non ne ho desiderio né ispirazione. Sto finendo di laurearmi, con fatica, a Lettere. Fatico proprio perché manco di volontà e di passione, nonostante la scelta della facoltà l'abbia fatta io, senza alcuna costrizione. Ho 23 anni, non so cosa fare dopo o cosa aspettarmi. Vivo con i miei, con una famiglia normale, ma una madre ansiosa, un nonno anziano che necessita di assistenza, un padre che abbiamo motivo di temere che abbia un inizio precoce di Alzheimer. Mi sento soffocare, per i problemi senza soluzione, e per l'ansia di mia madre, che non riesco ad aiutare. Non posso andarmene senza un lavoro e mi sentirei in colpa ad abbandonare i miei che tanto si distruggono a lavorare. Mi sento in colpa ogni minuto, ogni giorno, per i più diversi motivi: essere andata fuori corso, non avere la media al massimo, far pesare il mio malessere sul mio ragazzo, non riuscire a essere utile in casa come vorrei, nonostante l'impegno.Non riesco a godermi nulla, neanche i successi, come ad esempio gli esami passati e i buoni voti che comunque arrivano. Mi sembra di rovinare ogni cosa che tocco, di non essere in grado di far nulla, di impegnarmi tanto ma a vuoto. Alle volte vorrei semplicemente svanire nel nulla.
Probabilmente suona esagerato, ma questi sono i miei pensieri...non vorrei stare così. Avere ansia e crisi di pianto, voglia di gridare o rompere tutto, o a volte anche solo starmene fissa e spenta a letto.
Odio me stessa e la mia vita, non riesco a cambiare nulla nonostante mi sforzi.
So che non posso pretendere risposte nette o pratiche, ma vorrei davvero qualche consiglio anche concreto su come affrontare la cosa, su come stare meglio, almeno nei momenti dove di più vedo tutto nero. Sono mesi che sto così, mi sembra vada peggiorando piuttosto che migliorare, sono tanto stanca.
Grazie per l'attenzione,
Cordiali Saluti

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Serena Fuart Inserita il 27/08/2017 - 18:49

Buonasera, dalle Sue righe emerge una situazione molto complessa, dolorosa. Posso indicarLe di seguire un percorso che la rafforzi e la aiuti in questo momento di difficoltà contattando uno specialista

Dott.ssa Marianna Nuccio Inserita il 26/08/2017 - 10:57

Salve Leli,
Da quello che scrive mi sembra che si senta intrappolata e più cerca di uscirne, più si ingarbuglia. Immagino quanta fatica deve mettere ogni giorno per poter reggere le pressioni continue che la vita le mette davanti. Mi pare di capire che lei cerchi continuamente di eccellere o di riscattare, in quello che fa, i dolori della sua famiglia. Ma, contemporaneamente, ogni impegno che non porta "grandi" risultati o che non cambia la sua situazione la fa cadere nel baratro del non essere riuscita nell'intento. In questo modo non fa altro che aumentare la sua frustrazione e la ricerca di qualcosa che le possa alleviare (a lei e alla sua famiglia) i problemi quotidiani. Credo che debba essere più morbida con se stessa e meno pretenziosa, perché questo suo modo di fare le sta facendo perdere la gioia di riuscire (anche a volte in maniera sufficiente) negli obiettivi che si prefigge. Inoltre, i fallimenti o le cadute possono capitare e servono, anche quelli, ad aggiustare il tiro per la prossima volta.
Si ricordi che siamo esseri umani e non possiamo tenere tutto sotto controllo e, soprattutto, non possiamo occuparci al 100% dei problemi nostri e dei nostri cari. Faccia quello che in un determinato momento può fare, al meglio delle sue capacità, ma senza pretendere che la riuscita (o meno) cambi la situazione. Annaspare tra i mille suoi impegni e tra i doveri di figlia non le porta giovamento, affronti ogni impegno/problema quando si presenta e non si aspetti di avere i superpoteri di wonder woman. Lei è un essere umano, sbaglia, cade, lotta e riesce nei suoi intenti, ma sopratutto soffre nel non riuscire a risolvere i problemi di chi le sta a cuore.
In questo momento, comunque, credo le sarebbe molto utile un sostegno psicologico per potersi"appoggiare".
Resto a sua disposizione.
Cordialmente
Dott.ssa Marianna Nuccio
Barcellona Pozzo di gotto (ME )