Mabel domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 08/03/2017

Aiutare un ragazzo

Come si fa in famiglia ad aiutare ad un ragazzo di 27 anni che fa uso di sostanze stupefacenti e non vuole ammettere che ha bisogno di aiuto? E sempre nervoso, scarsa autostima, si vede rifiutato dagli altri, non riesce a avere una ragazza perchè i rapporti finiscono, ha degli scatti di violenza ed isteria, è depresso e non riesce a ottenere un lavoro anche se lo vorrebbe. Grazie mille.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 11/03/2017 - 14:38

Viterbo
|

Gentile Mabel,

se il ragazzo non sente di aver bisogno di aiuto difficilmente l'intervento psicologico potrà essere efficace.
La consulenza psicologica e la psicoterapia sono importanti strumenti conoscitivi e di cura solo se il cliente/paziente si sente motivato ad affrontare e risolvere determinate questioni personali.
In questi casi i famigliari possono suggerire l'intervento dello psicologo, cercando di farlo sulla base di una relazione empatica e di ascolto, ossia entrando in contatto con il ragazzo (che non è più un ragazzo ma un uomo) che dovrebbe sentirsi compreso e non "patologizzato".

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicodinamica

Dott.ssa Giulia Bianchi Inserita il 09/03/2017 - 09:02

Buongiorno Mabel.
Questa situazione è senz'altro complessa e è difficile poterne avere un quadro completo "tramite lo schermo". In ogni caso credo che possa essere utile capire come si senta il ragazzo e fargli sentire la sua vicinanza e comprensione.
Se pensa che la mia risposta sia poco chiara mi faccia sapere e proverò a essere più esaustiva.
Buona giornata,
Giulia Bianchi

Dott.ssa Leonia Paola Cazzaro Inserita il 09/03/2017 - 09:01

Purtroppo è molto difficile soprattutto quando non c'è consapevolezza di "avere un problema".
Probabilmente sarà necessario del tempo in modo che il ragazzo sviluppi una suo motivazione che lo spinga a chiedere aiuto.