Federica domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 23/02/2017

Modena

Paura di contattare lo specialista per fissare un primo appuntamento

Buonasera,
ho 25 anni e soffro di depressione e disturbi d'ansia da molto tempo, ma negli ultimi quattro anni ho abbandonato gli studi e non sono in grado di cercare un lavoro, mi sento crollare ogni giorno. Sono stata portata da diversi medici sin da quando avevo 16 anni, prevalentemente psichiatri (vengo da un paesino molto piccolo e chiuso, e i miei genitori all'epoca non conoscevano la differenza) e più recentemente anche psicologi psicoterapeuti, ma ho purtroppo sempre avuto brutte esperienze. Dopo l'ennesima non ho più avuto il coraggio di approcciare un nuovo specialista per paura di un altro fallimento anche se, quando ci penso razionalmente, so che non posso né voglio continuare in questo modo, che ci deve essere un professionista là fuori con il quale sarò in grado di instaurare un buon rapporto e che potrà aiutarmi.
Ora il mio ostacolo è il fare quella telefonata per chiedere un primo appuntamento, assieme alla paura di un altro fallimento si aggiunge la mia ansia di parlare al telefono e non sapere bene quali domande fare (per esempio è scortese chiedere il costo di una seduta al primo approccio telefonico?), o se ci sono accorgimenti particolari dei quali dovrei tener conto.
Grazie.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 23/02/2017 - 13:05

Buonasera Federica, non c'è niente di male nel chiedere subito il costo delle sedute. La prima telefonata non serve necessariamente solo per fissare un appuntamento, ma può servire anche per chiedere delle informazioni (ad esempio sul costo, sull'approccio e sui metodi usati dallo psicologo, sulla possibilità di prevedere o meno delle tempistiche). A partire da questo primo contatto può anche fare qualche valutazione su come viene "accolta" dal professionista per cercare di capire se pensa che da un punto di vista relazionale può trovarsi bene o meno con quella persona.
Anch'io le suggerisco di riflettere sulle precedenti brutte esperienze. In particolare cerchi di capire se si è trovata male da un punto di vista relazionale e/o in termini di scarsi risultati raggiunti. Sono entrambi due elementi molto importanti da considerare e non vanno necessariamente di pari passo.

Dott.ssa Lucia Inverso Inserita il 23/02/2017 - 10:59

Salve Federica,
immagino il suo senso di frustrazione e, di conseguenza, di blocco nel fare le cose: come se ogni passo fosse più pesante di quanto si possa credere prima di compierlo.
Mi dispiace molto per la sua sensazione di aver incontrato psicologi con i quali non sente di aver instaurato il giusto rapporto; ha mai provato a pensare in maniera più dettagliata a cosa di loro non le è piaciuto? Si è mai chiesta quale potesse essere l'atteggiamento o la problematica che ha fatto diventare quell'esperienza una brutta esperienza? Sono certa che se riesce a trovare una risposta, i problemi riscontrati nelle precedenti esperienze potranno essere un buon argomento per il lavoro con un nuovo psicoterapeuta. Riguardo la sua domanda, certo che può chiedere informazioni sul costo della seduta, poi sarà il professionista a decidere come orientarsi. Non si preoccupi!
Mi auguro che lei possa andare avanti nel migliore dei modi.

Cordiali saluti.
Dott.ssa Lucia Inverso- Foggia.